Titolo

Elezioni USA (I) - Il fenomeno Trump

4 commenti (espandi tutti)

Non ha stravinto in Michigan, piuttosto in Mississippi 

http://www.nytimes.com/elections/results

Ma rimane il fatto che la somma dei delegati "contro Trump" e' ben superiore dei suoi e questa differenza si accentuera' nel tempo. It's a coin toss, per ora, ma io continuo a pensare che non sara' lui il candidato.

Francamente non e' un desiderio (mi sto rendendo conto che, deep down, vorrei fosse lui il candidato GOP per fare l'esperimento ....) ma una previsione cinica. Vedremo, it's a coin toss. 

titoli ad effetto allora. I maggiori quotidiani titolavano DT stravince in Michigan

dei giornali italiani, dei titoli poi assolutamente no!

:)

Scherzi a parte, sta vincendo ma non sta stravincendo.  Vediamo martedì prossimo, quella è la giornata cruciale. Se riesce a vincere sia in Florida che in Ohio avrà il diritto "morale" di chiedere al partito di appoggiarlo. Ma è chiarissimo che non vogliono e le ragioni NON sono quelle "nobili" (si fa per dire) che molti pensano. Le ragioni sono, a mio avviso, che DT non  è controllabile dal partito e, soprattutto, che è "moralmente rischioso", essendo chiaramente per nulla religioso. Lui a questo punto non mollerà neanche se dovesse cominciare a fare peggio nei grandi stati. Quindi arriveremo ad una Convention Repubblicana aperta e conflittuale. It will be fun :)

Agree

giuliana allen 13/3/2016 - 13:59

c con te Michele ed aggiungo che paradossalmente spero anche io che il GOP si ritrovi con DT come candidato così c'è speranza ragionevole che imploda e sorga una terza via visto che il bipolarismo sta affossando Washington e la nazione