Titolo

E se tassassimo solo i ricchi?

3 commenti (espandi tutti)

equivoci

Guido Cacciari 10/1/2016 - 08:46

Per progressività si intende normalmente il rapporto tra aliquota massima e minima (delle imposte sulle persone fisiche).

Mi sembra che l'autore dell'articolo voglia invece intenderlo come distribuzione del gettito fiscale rispetto al valore del reddito lordo individuale.

E' una definizione tutta sua, perciò non so se i lettori / commentatori l'abbiano compresa.

Anche perché dipende, oltre che dalle aliquote, dalla differenza tra reddito lordo e reddito imponibile (quest'ultimo mi sembra il VERO argomento).

A confondere ulteriormente le cose mi sembra il tentativo dei commentatori di confrontare tale distribuzione con i pari reddito di altri paesi. E' ovvio che in questo caso il parametro fondamentale diventa la ricchezza relativa (pro/capite) dei paesi, che riflette poi il valore dei redditi. E' tautologico constatare poi che nei paesi con redditi medi maggiori, corrispondano gettiti fiscali distribuiti proprio su fasce di reddito maggiori.

Guarda che solamente basarsi sulla differenza tra aliquota massima e minima e' sbagliato. Devi per forza guardare all'average tax pagata rispetto alla tassa marginale. Esempio: metti la prima aliquota a 0% solo per il primo dollaro guadagnato da tutti e l'ultima al 100% solo per l'ultimo dollaro guadagnato dalla persona piu' ricca. Tutto il resto lo tassi al 50% per tutti. Secondo la definizione limitata che hai dato questo sembra il sistema piu' progressivo dell'universo (differenza da zero a cento), ma in realta' tutti pagano una average tax del 50% a parte uno che paga una epsilon in piu'.

D'altronde ho notato che it.wikipedia parla solo dell' aliquota che aumenta, mentre en.wikipedia specifica anche il ruolo dell'average tax che cambia.


volevo solo evidenziare la necessità di un chiarimento semantico.

A parte la definizione comune, non applicabile, il tuo interessante link inglese cita 6 diverse modalità di misura della "progressività".

Per chi fosse interessato alla progressività (non io).