Titolo

La sentenza della Corte Costituzionale sulle pensioni

1 commento (espandi tutti)

E' auspicabile una riduzione di prerogative discrezionali della Corte Costituzionale? E poi cosa rimane alla democrazia per bilanciare il potere del governo, il Papa o il viaggio a Lourdes?

Resta tuttavia lo sbigottimento di fronte all'apparente follia del pronunciamento. Cos'è: il fuoco amico? Se di pronunciamento politico si deve supporre, la sua relativa finalità generale sfugge al ragionamento, e vengono in mente solo scenari da film di spionaggio, dove l'agente 007 opera per un fine forse buono o forse cattivo ma sconosciuto al resto del popolo perché implica i rapporti tra le superpotenze e anche gli ufo se possibile. Che ne so: gliel'ha ordinato la Merkel che ha deciso di sbarazzarsi dell'Italia, con la benedizione di Obama? E cosa di meno se no, rispetto alla sfrenata fantasia? Oppure invece si tratta di una deformazione professionale del giurista che, ignaro del mondo e preso nella rete della sua disciplina, cavilla sulle parole in modo forbito ma sconsiderato? È espressione forse della pochezza italica in generale, che di fronte ad un filo di ripresa e all'altrettanta leggerezza del governo sull'esistenza dei tesoretti, corre ad accaparrarsi il primato della generosità prossima ventura? Vogliono mettere in difficoltà il governo sotto elezioni facendo brillare una bomba atomica! Renzi sotto sotto è d'accordo! Ed ecco che si torna al film di 007.

Boh?!

Sembrano tutti matti comunque! E, loro malgrado, ce li dobbiamo pure tenere, però.