Titolo

(cattivi) dottori ope legis?

2 commenti (espandi tutti)

Ho cercato il test ed ho trovato il Test di accesso 2012-2013 per la Facoltà di Medicina e Odontoiatria. Non so se è quello a cui si riferisce edoardo ma lo dubito. Li' le domande sono 80, non 60. Ho risposto correttamente a 50 domande su 80 il che rapportato ai pesi citati sopra (+1.5 e -.04) ed al numero di domande 60 invece di 80 darebbe un punteggio di 47.25 e quindi un rank di 1400 circa.

Ora che ho scoperto che potrei fare medicina, devo dire che: 1) non mi sono preparato ed ho fatto il test con calma, senza limiti di tempo nelle pause tra un lavoro e l'altro; 2) non ero nemmeno addestrato o sotto stress da esami; 3) ho 60 anni ed una discreta cultura generale; 4) avevo anche una discreta cultura scientifica (tre anni di scienze biologiche al poli di milano) ma ho perso il contatto con la terminologia e gli studi nuovi; %) in pratica dove ho sbagliato di piu' è proprio nelle conscenze di bilologia e chimica, domenticate dopo 40 anni; 5) dove non sapevo la risposta non potevo non rispondere e quindi ho fatto a caso, il che ha peggiorato il punteggio. 

Francamente un test del genere non so cosa possa valere. L'unica cosa che dimostra è l'assoluta impreparazione della maggior parte dei candidati. Per me qualsiasi liceale che che abbia passato la maturità puo' (DEVE) arrivare, con un minimo di impegno, a passare il test.

esempio perfetto

sergio 24/5/2014 - 18:05

questo esempio e' appunto quello che cercavo di dire col mio post. cosi' com'e' il test e' REGOLARE, chiunque puo' provare il test degli anni passati e verificare che le dichiarazioni degli studenti sull'impossibilita' e ingiustizia del test sono sciocchezze. Inviterei il sig. Forti a provare invece a entrare nelle scuole di specializzazione di medicina da "outsider" qual e'. I posti sono circa il 50% rispetto a quelli del test iniziale quindi la selezione e' altrettanto non impossibile. Provi a studiare le materie per anni da "outsider" e non entrera' comunque mai, verra' superato dai "fenomeni" che al test d'ingresso hanno fatto molti meno punti dei suoi. Alla luce di questo io direi che un test del genere nella peculiare situazione italiana vale veramente moltissimo