Titolo

(cattivi) dottori ope legis?

1 commento (espandi tutti)

Anche in Svizzera è cosi'. Esiste una soglia di ammissione basata sulla media dei voti  dell'ultimo anno di liceo e poichè il liceo è unico ma diviso in orientamenti, è chiaro che nei precedenti due anni il liceale aspirante medico ha seguito i corsi denominati BIC (Chimica e Biochimica) e se ha una media adeguata accede all'università direttamente. Naturalmente lo studente sa che la selezione sarà dura ed ha ben presente, perché gli viene spiegato, quanti frequentano il primo anno, il secondo e via di seguito. Se è intelligente, capisce da solo. Lo stesso vale per ogni facoltà (non ci sono esami di accesso per ingegneria ma qui occorre avere seguito prima i corsi FAM (Matematica e Fisica) ed avere una certa media. Sa che il sistema di selezione è gaussiano e che potrà permettersi di ripetere un solo anno. Poi è fuori. Non esistono fuori corso.

Il problema è naturalmente quello delle risorse. In CH ci sono ed il primo anno è organizzato per avere spazio a sufficenza nelle aule e nei laboratori. Non è che le iscrizioni cambino drammaticamente ogni anno. In Italia non ci sono e quindi adottare questo sistema per ora è fuori luogo.