Titolo

PISA 2012: c'è davvero qualcosa di nuovo?

7 commenti (espandi tutti)

Fra le cause dei risultati un po' deludenti che si osservano nelle matematiche, potrebbe forse esserci un fenomeno che ho spesso osservato intorno a me: ovvero il fatto che la 'Cultura' sia classica per antonomasia.

Io, in quanto una mente scientifica (anche un po' nerd) mi sono sempre sentita un po' discriminata da amiche/professori (spesso donne) che, quasi come un vezzo, dicevano "No, ma io di matematica non ci capisco nulla".

E poi giù con la metrica latina e tutti i piedi fino al minimo dettaglio. Queste persone non vogliono nemmeno conoscere la differenza tra media e mediana (o tra precisione e accuratezza), ciononostante sono considerate "colte".

Invece, l'ingegnere di turno o il matematico o lo scienziato che dicesse "No, per favore, io con congiuntivi e apostrofi proprio non ci riesco", ecco, sarebbe considerato un ignorante.

Non trovate?

come no, e' un nostro vecchio cavallo di battaglia...

E' tutta colpa di Benedetto Croce che vinse la disputa con Federigo Enriques... da allora nel nostro bel paese, cultura significa solo e semplicemente spiaccicare qua e la un po' di latino. Qualche tempo fa qualcuno (non ricordo chi) ne fece un commento proprio qui su NFA.

A chi fosse interessato alla questione da un punto di vista storico consiglio

Lucio Russo Emanuela Santoni - Ingegni Minuti- Feltrinelli

Dall'ultima di copertina:

" La tradizione che a lungo ha emarginato la scienza da importanti settori della cultura italiana è bene esemplificata dall'epiteto "ingegni minuti", attribuito ai cultori della scienza esatta da Giambattista Vico in un brano fatto proprio da Benedetto Croce. Quali sono le radici di questa tradizione e quali sono state le realtà culturali di diverso segno presenti nel paese? Qual è stato il contributo del Rinascimento italiano al sorgere della scienza europea? Perché, dopo i successi della scuola galileiana, la ricerca italiana entrò rapidamente in una profonda crisi?"

ciao.

Perché, dopo i successi della scuola galileiana, la ricerca italiana entrò rapidamente in una profonda crisi?

Al riguardo di questa domanda direi che il fatto che Galileo abbia rischiato il rogo possa aver avuto una certa qual influenza. :-)

Riguardo ai PISA: ma è vero che siamo i primi per quanto riguarda i tentativi di evitare il test. Insomma che, come si dice a Milano, siamo il paese dove ci sono state più bigiate il giorno del test (notizia sentita per radio) ?

immagino sia perchè dopo galileo arriva il 600 e il declino dell'italia.

anvedi

valerio 4/12/2013 - 23:45

Se l'ebreo fosse stato Croce, adesso della Germania ce ne faremmo un baffo!