Letture per il fine settimana 7-2-2015

7 febbraio 2015 sandro brusco

Questa settimana: quali sono gli stati USA più corrotti?; ancora sulla spending review; sul carro; niente proroga sul voto plurimo.

Buona lettura e buon fine settimana

 

  • Per chi presta una qualche attenzione a chi vive nello Stato di New York, la grossa notizia delle ultime settimane è  l'arresto di Sheldon Silver, un potente politico democratico accusato di corruzione. Ma quali sono gli stati che risultano essere più, diciamo così, ethically challenged? Ci viene in aiuto il sito Fivethirtyeight, che cerca di misurare l'ammontare di corruzione secondo varie misure. Da residente dello Stato di New York dico: temevo peggio.
  • Intervista al collega e amico Massimo Bordignon sulla spending review, o più precisamente sulle carenze attutive della stessa. Niente di inaspettato a dir la verità, ma è bene che si mettano i puntini sulle i.
  • Questa ormai è un po' vecchia, visto che una settimana è stata sufficiente ad annebbiare la stella di Tsipras, ma la linko lo stesso perché è troppo divertente. Riprendo anche una osservazione di Mingardi che mi pare pochi altri abbiano fatto. La legge elettorale greca è la cosa più simile al porcellum che ci sia in Europa. Syriza si era dichiarata in favore di una riforma in senso proporzionale (non una buona idea a mio avviso, ma non è che le buone idee siano abbondanti dalle parti di Syriza). Comunque, l'entusiasmo riformatore sembra ora essere scomparso; immagino che prendere metà dei seggi con poco più di un terzo dei voti faccia riflettere anche i puri e duri.
  • Per una volta una buona notizia: la proroga sulla possibilità di assegnare voti plurimi e blindare i gruppi di controllo delle società non verrà concessa.

4 commenti (espandi tutti)

...Il tutto dispende da cosa si intende per corruzione.

Il lobbiismo e le donazioni ai politici, specialmente dopo il caso "Citizens United", e' un'industria plurimiliardaria.   E per molti aspetti e' indistinguibile dalla corruzione (sarebbe definita cosi' in molti paesi Europei).    Eppure, ovviamente non e' contata da five-thirty eight perche questo conta solo le condanne.   Quindi non so quanto quella lista sia significativa

Il proporzionale con premio di maggioranza non è l'unico sistema elettorale che amplifica le maggioranze: http://it.wikipedia.org/wiki/Elezioni_generali_in_Regno_Unito_del_2005.

non è proprio così: il proporzionale con premio di maggioranza dà sempre e automaticamente un premio di maggioranza; il sistema inglese non dà automaticamente quell'effetto, ma solo se si verificano una serie di condizioni nella distribuzione geografica del voto.

Il premio di maggioranza all'italiana per la camera c'è solo se la prima coalizione ha meno del 55% dei voti (al netto dei voti andati a partiti e coalizioni che non entrano in parlamento). All'avvicinarsi alla soglia limite tende ad azzerarsi. Non vi è un automatismo, anche se è plausibile che questa condizione verrà quasi sempre rispettata. Allo stesso modo 3 delle ultime 4 elezioni in UK hanno visto maggioranze fortemente amplificate rispetto ad un proporzionale puro. La legge elettorale greca invece stabilisce effettivamente un premio di maggioranza fisso di 50 seggi.

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti