Horror Ruling - Governando con l'orrore

25 settembre 2008 michele boldrin

George W. Bush and the Republican party have reached today a new low in the history of US policy making.

George W. Bush ed il partito Repubblicano hanno raggiunto oggi un nuovo minimo assoluto nella storia politica degli USA.

The September 11, 2001 approach to government has been extended to the economy through a threatening and unsupported warning to the whole nation.

Either what I say, or the deluge. The threat is as clear as uncalled for. This is a particularly bad choice just five weeks before the elections, the regular proceedings of which it aims at disrupting in tandem with McCain's refusal to debate Obama.

A few days ago, and according to the same person, the US economy was solid and sound. Today it will collapse if the Bush-Paulson-Bernanke plan to redistribute $700 billion, and more, from taxpayers to incompetent bankers (dangerous for, and damaging of, the US economic interests both in the short and in the long run) is not adopted without delays and discussions. Horrendous. Scary, in fact.

L'approccio usato dall'11 Settembre del 2001 in poi per governare gli USA e portarli alle ben note follie in politica estera, interna ed economica, è stato oggi esteso al governo dell'economia con questo infondato e minaccioso appello alla nazione.

La minaccia è tanto chiara quanto falsa: o si fa quanto io dico, o vi sarà il disastro. L'interferenza nel processo elettorale, in tandem con lo strumentale rifiuto di McCain di partecipare al dibattito di dopodomani con Obama, e' francamente incredibile.

Pochi giorni dopo aver dichiarato che l'economia degli USA era solida, l'amministrazione Bush, per bocca del presidente, annuncia agli americani (che fra 5 settimane vanno al voto) che o adottano ed approvano in silenzio il (gravissimo e dannoso) piano Bush-Paulson-Bernanke, che intende trasferire pù di $700 miliardi dalle tasche dei contribuenti a quelle dei bancari incompetenti, o il paese andrà al collasso. Orrendo. Spaventoso, infatti.

90 commenti (espandi tutti)

ma cos'è? il capitalismo reale?

No, il capitalismo reale è quello del monopoli, questo è quello dei monopoli. La diferenza è tutta nell'accento...

per quello che deve star fermo due turni dopo aver perso la casa davanti a "Parco della Vittoria" è la stessa cosa. la censura fascista (probabilmente anche quella sovietica e similari) definì Monopoli un prodotto degenerato del capitalismo - o qualcosa del genere. anche i monopòli privati sostenuti dal governo per caso lo sono?

a proposito, di quali monopòli stai parlando?
Ovviamente tutti sappiamo che il vero Monopoli si gioca solo in Italia.

The main argument of Bush seems to be that every price will fall unless the transfer be accomplished. Doesn't he know that if (almost) every price falls relative prices will stay (more or less) unchanged, so that demand cannot be expected to collapse. Probably he is worried about inefficient banks' relative prices, which may well be expected to collapse with no such transfer at taxpayers' expenses.

 

I would like to know where are "no global people" now? what are they doing? In this very moment when sufficient pressure on the Congress would destroy the "banking capitalist" system they have been fighting for so long, what are they misled thinking of? Or are they just good at breaking glasses and putting cars on fire? No left-winged thinktanker (let alone radical chics) out there to call them and shock the system? Don't they like to attack banks when these are supported by the keynesian system?

"Admittedly, Secretary Paulson laid an egg by including the following phrase in his proposal:
“Decisions by the Secretary pursuant to the authority of this Act are
non-reviewable and committed to agency discretion, and may not be
reviewed by any court of law of any administrative agency”.
This
reads as though it was personally written by Dick Cheney, the prince of
absolute executive authority, no checks and balances, no
accountability, no recourse. No administration that brought us WMD in
Iraq and the torture camps of Guantanamo Bay and Abu Ghraib should
expect anything but hysterical giggles in response to such a request.
Not smart."

(Willem Buiter at http://www.voxeu.org/index.php?q=node/1706)

Btw, prediction markets (http://www.intrade.com/) bets of a bail-out (though not necessarily the current Paulson version) are currently priced at about 79.

 

First, how did our economy reach this point?

 Oh, finally he is going to explain us! (the guy is got an MBA from Harvard after all)

Well, most economists
agree that the problems we’re witnessing today developed over a long
period of time. For more than a decade, a massive amount of money
flowed into the United States from investors abroad because our country
is an attractive and secure place to do business. This large influx of money to U.S. banks and financial institutions,
along with low interest rates, made it easier for Americans to get
credit.

 investors abroad? OH NOES! It's all my fault!

And together we will show the world once again what kind of country
America is: a nation that tackles problems head on, where leaders come
together to meet great tests, and where people of every background can
work hard, develop their talents, and

Pay taxes ???

 realize their dreams.

oh,right, sure. the american dream!

Io direi meglio "governando col terrore"! E' una specialità dell'amministrazione Bush ultimamente giunta anche in Italia grazie alla nuova strategia della destra italiana la quale ne ha scoperto gli enormi vantaggi a breve termine perchè sul lungo termine, come si affanna a dire ripetutamente il commercialista di Sondrio dai calzini a pois a cui piacciono tanto le citazioni celebri, "sul lungo termine saremo tutti morti". Il testo di GT "La paura e la speranza" è proprio il tentativo, sin dal titolo, di giustificare questo modo irrazionale di fare politica.

Al di là dei dettagli dell'intervento e delle ineccepibili questioni morali ed elettorali, delle persone come Bush o Paulson, qual'è l'errore concettuale di questa iniziativa? Non c'è il rischio che il flusso di credito si blocchi e scoppi il panico se non s'interviene a favore delle banche? Si tratta d'acquistare qualcosa che poi potrebbe essere rivenduto anche ad un prezzo maggiore quando probabilmente si capirà che molti dei pagamenti di quelle rate proseguiranno. O no?

l'articolo ha senso. ma cosa impedirà il ripresentarsi, fra 5, 10, 15 o x anni, di crisi simili se non si cambiano le regole o le politiche che danno il via a certi fenomeni?

Niente. D'altronde, "crisi simili" sono in giro da un po'. Eradicare il fenomeno "punto e basta" mi sembra una pretesa un po' eccessiva.

Mi sembra che Krugman, alle sue condizioni, sia d'accordo con questo salvataggio (tra l'altro ipotetico. Funzionerà?). Se non così, come? Non ho capito se secondo Boldrin si può rischiare anche di lasciar fallire lasciando fare al mercato, ma non mi pare la intenda così. Krugman introduce un elemento certo significativo, ma non mi pare ci sia tutta questa differenza. Secondo la scuola misesiana questa sarebbe unicamente un'iniezione di liquidità che rimanda solo il giorno del giudizio e più tardi sarà peggio per tutti. Bernanke, beh, Bernanke si sa come la pensa da sempre sulle crisi.

Insomma, senza intervenire parte la depressione oppure ci deprimiamo solo noi a star qui a pensarci?

Da qui sembra che l'opinione pubblica americana abbia più maturità (ripetto all'Italia) e possa reagire a questo tipo di intromissioni politiche, voi che vivete lì cosa ne pensate? E' effettivamente così ?

Sondaggio di newsday.com:

WHAT AMERICANS SAY

55% Say it's not the government's
responsibility to bail out private companies with taxpayer dollars,
even if their collapse could damage the economy

45% Say
Democratic presidential nominee Barack Obama would do a better job
handling the financial crisis than Republican John McCain (33%)

80% Say the U.S. is going in the wrong direction


ABOUT
THE POLL: The Sept. 19-22 telephone survey of 1,428 adults nationwide
had a margin of sampling error of plus or minus 3 percentage points

Losses to the public, profits missing, benefits to oligarchs = communism

Profits and losses are private = market economy (I do not know whether it can be labeled capitalism)

private profits and losses to the public = paulsonism (but italy has its own renowned school) which is the newly  refined version of the Greenspan's put

the fourth pair has not been tested enough but actually does not works for extended periods of time

 

Either what I say, or the deluge. The threat is as clear as uncalled for.

I am afraid it is clear, sure, but it is not false. At least not anymore. The very moment the president (after Paulson and Bernanke) claims that this is the only choice, then this becomes the only choice indeed. This is the hysteric market we are dealing with and those three figures are powerful enough to be able to make self fulfilling prophecies, like the one they just made. This is a big difference with the strategy they adopted in the past: in former days they could well claim a need for this war or that measure, menacing a terrorist attack that may never come. But in this case they actually got the power (whether they wanted to, or not) to make things happening for real.

 

Il mostro passerà, purtroppo. Fondamentalmente per le ragioni
che menziona Giorgio Gilestro nel suo commento delle 16:31 del 25/9, ragioni che avevano
ispirato il mio irritato post ieri sera. 

L'azione coordinata del terzetto BPB con dietro la grancassa
mediatica del terrore sui mercati, sulla quale soffia usando soldi e
potere tutto il sistema bancario americano, è incontenibile. Siamo arrivati al punto di Buffett che investe 5 miliardi in G&S (a prezzi da svendita) e poi dichiara che il bailout è assolutamente necessario per salvare la nazione, e raddoppiare il suo investimento in pochi mesi, ovviamente. Ecco uno che sa come fare i soldi investendo in progetti socialmente profittevoli!

Il tutto è disastroso ed estremamente grave, anche se spero che si
possa tenere aperto il dibattito ed aggiustare qualcosa dopo le
elezioni. A questo punto, molto contro il mio istinto ed anche i miei
interessi economici, credo sia il caso di sperare che vinca Obama,
viste le scelte terroristiche fatte da McCain e la
decisione di allinearsi completamente dietro a Bush (e Paulson, e
Goldman& Sachs) anche in questa occasione. Almeno, nel caso del
gruppo Obama, esiste una probabilità su mille che la natura del piano
venga riconsiderata e che non tutti i suoi advisors siano totalmente
captured da Wall Street, come sembra invece il caso nell'altro campo.
1/1000 è poco, capisco, ma meglio di niente.

Grande, enorme limite di Obama e dei suoi advisors, che non
essendo riusciti neanche a concepire un approccio alternativo ed avendo
chiesto aiuti e sussidi fin dall'inizio non hanno alternativa perché
non hanno un argomento di fondo diverso da opporre al catastrofismo pro Wall Street e monopoli dell'amministrazione Bush e del puppy Bernanke. L'unico dibattito è su chi
prende i soldi pubblici, quanti se ne estraranno dalle mie tasche e
quali, puramente simboliche, condizioni verranno imposte. Un'orgia
d'interventismo statale a favore di interessi monopolistici costituiti
e potenti da un lato, e di gruppi di pressione elettorale dall'altro.

Questo sarà il patto che faranno oggi a Washington e che poi
difenderanno domani nel dibattito presidenziale. L'opinione pubblica è
istintivamente incazzata e coloro che, la maggioranza, non hanno
lucrato sui mutui pattumiera né come acquirenti di case, né come
operatori dei settori immobiliare e finanziario, sono incazzati neri.
Ma, qui come in Italia, sono le elites che contano
e decidono il gioco: l'incazzatura di massa, non avendo un punto di
riferimento economico-politico, non è in grado di esprimersi. Wall
Street rules and profits, we pay: yesterday with fees, tomorrow with taxes.

Una vergogna figlia del panico di massa e
della manipolazione dell'informazione da parte di vasti settori
dell'industria finanziaria. Ma anche della miseria intellettuale degli
economisti e della ricerca economica che, su questi temi, non ha detto
nulla di intelligente, o anche solo di usabile, da almeno due decenni a
questa parte. Avrete tutti notato la cospicua assenza dei "leading
macroeconomists or monetary economists" da questo dibattito, nel quale
infatti non sanno che dire. Tutto quello che siamo riusciti a produrre
è stato l'appello dell'altro giorno, che ho firmato anch'io visto che di meglio sul tavolo non c'era, il quale chiedeva semplicemente di aspettare
e studiare la questione più a fondo, senza proporre una visione diversa (ed un'altra soluzione) al problema. È importante osservare che i macro-money gurus della costa est non hanno firmato, comunque, neanche quello. Le assenze non sono casuali, due giorni dopo, visto che altri (pochi, ma altri) colleghi da MIT, NYU, Columbia, Harvard, Yale, Princeton hanno firmato. Non ci sono perché non ci vogliono essere. 

La responsabilità intellettuale e morale dei gruppi di money-macro
che girano dentro ed attorno alle varie Fed, a quella di NY ed al Board
in particolare, mi sembra sostanziale e va sottolineata. Si ha la forte
impressione che oramai molta di questa gente lavori "ex post", ossia
dati i fatti e le azioni compiute dalla Fed e da Wall Street, compia il quotidiano esercizio di "bend over
backward" per trovare una qualche razionalizzazione sulla base della
quale si possa sostenere che tutto va bene, "noi" non abbiamo sbagliato
nulla e quando sta accadendo è naturale, forse persino "efficiente"
(nel senso di pareto ...). Gli esempi abbondano, ma per ora mi
trattengo, vah ... 

Basti sottolineare che la teoria dominante,
soprattutto nei circoli Fed vicini a Bernanke ma anche nei dipartimenti
keynesiani della costa est è quella del saving glut, che Bernanke teorizza, Bush ha ripreso ieri sostenendo essere l'ovvio consenso fra gli economisti e la cui natura completamente self-serving oltre che palesamente rigettata dai dati e dai fatti alcuni hanno sottolineato da tempo.

Mala tempora currunt ... ma rallegriamoci, la CGIL firma ed il piccolo (in termini relativi) mostro italiano è fatto. A Washington hanno bisogno ancora di un 24 ore per farne uno mille volte peggiore. 

Ma anche della miseria intellettuale degli economisti e della ricerca economica che, su questi temi, non ha detto nulla di intelligente, o anche solo di usabile, da almeno due decenni a questa parte. Avrete tutti notato la cospicua assenza dei "leading macroeconomists or monetary economists" da questo dibattito, nel quale infatti non sanno che dire.

 Ciao Michele.

Cosa intendi dire con il passo riportato sopra? E poi (davvero senza piaggeria) ma tu, non sei un leading macroeconomist?

 

 È importante osservare che i macro-money gurus della costa est non hanno firmato, comunque, neanche quello. Le assenze non sono casuali, due giorni dopo, visto che altri (pochi, ma altri) colleghi da MIT, NYU, Columbia, Harvard, Yale, Princeton hanno firmato. Non ci sono perché non ci vogliono essere. 

Perchè non ci vogliono essere?

Scusa, ma da quello che hai scritto, o da come lo hai scritto, sembra che gli studiosi leading di macro siano o compiacenti con FED e Wall Street, costruendo modelli ad hoc per giustificare policies disastrose, oppure che non hanno capito un piffero. Ma forse non ho capito il senso della tua polemica.

 

La responsabilità intellettuale e morale dei gruppi di money-macro
che girano dentro ed attorno alle varie Fed, a quella di NY ed al Board
in particolare, mi sembra sostanziale e va sottolineata. Si ha la forte
impressione che oramai molta di questa gente lavori "ex post", ossia
dati i fatti e le azioni compiute dalla Fed e da Wall Street, compia il quotidiano esercizio di "bend over
backward" per trovare una qualche razionalizzazione sulla base della
quale si possa sostenere che tutto va bene, "noi" non abbiamo sbagliato
nulla e quando sta accadendo è naturale, forse persino "efficiente"
(nel senso di pareto ...). Gli esempi abbondano, ma per ora mi
trattengo, vah ... 

Basti sottolineare che la teoria dominante,
soprattutto nei circoli Fed vicini a Bernanke ma anche nei dipartimenti
keynesiani della costa est è quella del saving glut, che Bernanke teorizza, Bush ha ripreso ieri sostenendo essere l'ovvio consenso fra gli economisti e la cui natura completamente self-serving oltre che palesamente rigettata dai dati e dai fatti alcuni hanno sottolineato da tempo.

 

Sul fatto che sia una debacle intellettuale sono d'accordo, ma credo faccia parte dell'umana natura: se le cose non vanno come ci si aspetta - in accademia come a Wall Street come a Main Street - e' piu' facile dare la colpa al destino cinico e baro che cambiare le proprie abitudini pregresse. Ora, non so cosa sia "la teoria dominante" - non sono un macroeconomista - ma, dire il vero, gente come Edmund Phelps e Axel Leijonhufvud ste' cosucce le dice da tempo e ha suggerito a parecchi "go back to the basics of economic theory".

La responsabilità [...] dei gruppi di money-macro
che girano dentro ed attorno alle varie Fed, a quella di NY ed al Board
in particolare, mi sembra sostanziale e va sottolineata.

Essendo, forse insieme a Stefanoc, uno dei pochi lettori non necessariamente contrari alla proposta di Paulson/Bernanke, la metteri diversamente.

L'idea che una funzione fondamentale della Banca Centrale sia la salvaguardia del sistema bancario in situazioni di emergenza fa parte della teoria tradizionale del Central Banking, vedi per esempio il  libro Lombard Street di Bagehot (1873).  Non e' sorprendente che gli economisti della Fed la vedano da questo punto di vista diciamo cosi classico.

D'altra parte negli Stati Uniti, al di fuori dalla Costa Est,  il concetto stesso della banca centrale non e' mai stato veramente accettato. Nel '800 era considerato un "dangerous privilege" avere una banca centrale e la "bank of the united states" fu abolita, come tutti sanno.  Solo molto piu tardi (1913) fu fondata la Fed, tra mille imprecazioni dagli "stati blu" sul fatto che avrebbero aiutato "i ricchi di Wall Street".  Insomma, l'ostilita a "Wall Street" (al di fuori di Philadelphia/New York/Boston) non e' di ieri e non deriva dalla crisi dei mutui sub-prime ma e' una costante della storia americana.

Nonostante quanto viene ripetuto da giornali e web site, non credo che la Fed stia cercando di salvare Wall Street, ma svolge il ruolo tradizionale di difesa della stabilita del sistema bancario. Un ruolo che, a quanto pare, gli economisti della parte centrale del paese non accettano.

Il piano di Paulson e' in realta stato concepito dalla Fed. E' intervenuto Paulson perche' sara necessario emettere buoni del tesoro per finanziare l'operazione e questo necessita l'approvazione del congresso. Ma non e' Paulson che cerca di "espandere i suoi poteri" come dicono molti. E' un'operazione voluta dalla Fed come Banca Centrale, nell'esercizio delle sue tradizionali funzioni.

Comunque, imagino di non aver convinto nessuno ad Ovest del fiume Hudson. 

cerco di fare un ragionamento con te anche se in realtà ho più che altro molto da imparare da questo dibattito.
Ammettiamo che la FED svolga effettivamente quel ruolo di difesa di stabilità del sistema bancario e non sia una Troika made in USA . Immagino che i suoi obiettivi di stabilità cozzino (potenzialmente) con quelli di crescita "equilibrata" della quantità di moneta e di gestione del trade off inflazione-disoccupazione (indipendentemente dal fatto che questo possa piacerci o meno o che possa sembrarci una baggianata che persegua un obiettivo di questo genere), nella misura in cui è costretta a fare interventi straordinari o semplicemente a deviare dal suo cammino ottimale per venire assolvere i suoi doveri di garante. Ora, se il suo ruolo è questo, bisogna perlomeno dire che lo sta giocando da dilettante allo sbaraglio, non essendo stata in grado di imporre accantonamenti ai soggetti su cui aveva il diritto/dovere di prestare in caso di emergenza. L'impressione è che non abbia gestito razionalmente la cosa (in stile ADEH, ad esempio), ma si sia fatta cogliere completamente impreparata e, eccetto che per Lehman Brothers (che comunque sembra più una reazione "umorale" che altro, visto come le carte sono state ribaltate in 10 minuti), abbia a un certo punto deciso che siccome un po' di uova si erano rotte, ormai tanto valeva fare una frittata. La giustificazione "teorica" di sta roba, dov'è? Anche perché mi ricordo ancora di  inteventi di politca monetaria BEN giustificati dai risultati della ricerca empirica, che si sono rivelati di grande efficacia, 8 mesi dopo. Una giustificazione econometrica BEN motivata da un qualche risultato della ricerca empirica, sono sicuro, salterà fuori anche per questo...

L'idea che una funzione fondamentale della Banca Centrale sia la
salvaguardia del sistema bancario in situazioni di emergenza fa parte
della teoria tradizionale del Central Banking, vedi per esempio il 
libro Lombard Street di Bagehot.  Non e' sorprendente che gli
economisti della Fed la vedano da questo punto di vista diciamo cosi
classico.

Veramente Bagehot poneva due importanti condizioni ai prestiti di emergenza:

"there are two rules. First. That these loans should only be made at a
very high rate of interest... Second. That at this rate these advances
should be made on all good banking securities and as largely as the
public ask for them."

Mi pare che nessuna delle due, in particolare la seconda, sia verificata dal piano Paulson-Bernanke. Non solo le securities non sono esattamente buone, ma invece di essere usate come collateral verranno acquistate, e non sappiamo neppure a che prezzo (del resto, se fossero marked-to-market l'intervento servirebbe a poco). Bernanke giura che non propone di sovrapagarle "intenzionalmente" (magari di farlo solo per distrazione?), ma sinora numeri precisi non se ne sono visti, e solo il giorno prima parlava di comprarle a prezzi vicini a quelli nominali . Sappiamo anche che lo stesso Bernanke giudica le regole di Bagehot roba d'altri tempi (adatte a situazioni di Gold Standard, in particolare). Non ci vedo molto di classico in quel che sta proponendo.

Ieri sera mentre ascoltavo e guardavo il discorso di Bush sono sobbalzato sulla scomodissima sedia di vimini su cui ero seduto. Credevo di non aver capito bene un passaggio, ma non ho Tivo o altre diavolerie disponibili per fare il rewind e riascoltare esattamente le parole del discorso. Ho dovuto aspettare stamattina per andarmelo a rileggere. Evidentemente avevo buone ragioni per sobbalzare: pure Mankiw (economista con note simpatie repubblicane) prova un certo scetticismo sulla premessa logica del bailout.

Come fa il governo a sapere che i prezzi delle MBS si rialzeranno? E come fa questa informazione a non essere incorporata nel prezzo corrente di mercato? Boh...questa cosa mi sembra un po fatta a mo del central planning del PCUS...spero che qualcuno nel congresso americano faccia qualche bella domandina al proposito.

Sul fatto che gli economisti monetari non parlino: penso abbiano paura. Questa ciurma capitanata da Dick Cheney e' notoria per essere vendicativa...che dici Michele?

 

Come fa il governo a sapere che i prezzi delle MBS si rialzeranno?

Naturalmente non lo sa con certezza nessuno.  Ma non e' solo il governo a dirlo, lo dicono anche i modelli matematici di MBS.  Modellini semplici che si basano sulle curve di default (quanto e' destinata ad aumentare la proporzione dei mutui in difficolta, in base all'esperienza storica), quanto recupera la banca rivendendo la proprieta, etc.  Parametri non noti con esattezza ma comunque stimabili. Ebbene, con stime raggionevoli non e' difficile arrivare a valori piu alti degli attuali "valori di mercato".

E
come fa questa informazione a non essere incorporata nel prezzo
corrente di mercato?

Il numero di investitori in MBS e' assai limitato, come ha scoperto il Prof. Bisin quando a cercato di comprarli. Ci vogliono molti soldi e un certa conoscenza del settore. Ma la maggior parte di questi investitori sono saturi.  Se mi presento alla Merrill Lynch e gli propongono un buon affare: acquistare subprime MBS ridono e mi cacciano via:

(1) Stanno letteralmente annegando in MBS e vogliono venderli, non comprarli

(2)  Ridono quando parlo di modelli perche i modelli utilizzati in passato hanno portato alla situazione odierna, a causa di stime troppo ottimistiche. Non ne vogliono sentire parlare di "model price".

Secondo chi la pensa come me il prezzo attuale cosidetto "di mercato" contiene un grosso "sconto di liquidita" dovuto appunto al fatto che il mercato e' estremamente ridotto in questo momento. Vende solo chi assolutamete deve vendere, e lo fa' a prezzi molto scontati. Una delle poche vendite recenti e' stata quella della ML ad un prezzo di venti centesimi al dollaro;anche senza modelli mi pare un prezzo un po basso, no? Vabbeh che costa rientrare in posessione di un immobile (avvocati, etc), vabbeh che la proprieta puo restare invenduta per un certo periodo, vabbeh che i prezzi in molto zone sono scesi,... ma mi sembra dovrebbe essere possibile in certi casi recuperare piu di $20,000 su una casa che ne valeva $100,000.  Naturalmente dipende dai particolari del caso che occorre esaminare attentamente. Ma non e' implausibile.

 

Ma se e' cosi' perche' non li vendono al dettaglio? Non mi dire che e' difficile approntare l'infrastruttura necessaria. Ai prezzi che dici, li compro subito.

Incredibile come persone che (immagino) dovrebbero essere le più diverse per cultura, professione, orientamento politico, poi arrivino alla stessa conclusione: nelle elites politiche, ed in special modo quella americana che fa capo a G.W. Bush, c'è il tentativo, ormai palese, di far passare le più immonde schifezze a spese della collettività, con la scusa del disastro, imminente o già avvenuto.

Che dire ? Niente, è meglio, così mi arrabbio di meno e non penso che se sbaglio a me nessuno mi verrà a salvare, anzi, se possibile mi fanno colare a picco prima. O tempora o mores ! (per quelli che parlano inglese, ma poco masticano il latino: o tempi delle more ! Le bionde non vanno più di moda).

Si, va bene. Ma il punto è proprio questo: ci sarebbe il disastro se non intervengono? Perchè allora è meglio che lo facciano, pazienza se è una palese ingiustizia. Tra l'altro una eventuale caccia ai maggiori responsabili rischia di essere l'apertura di una battuta infinita. Chi può dire di sapere per certo cosa c'è dietro questa catena di derivati, CDO's e affini? Se questo servisse anche solo a rinviare, in teoria va già bene così, poi si vede chi se ne esce con idee migliori.

Invece concordo con quello che dice AlexCT più sopra.

Per avere delle opinioni nette non bisgnorebbe mai occuparsi di piu' di un cosa.

Horror. Se si vede la questione dal lato dell'economista la soluzione Bush-Bernanke-Obama e' la negazione del mercato, al contrario di quella di Mc Cain che riflette meglio quello che in America pensa la gente comune.

Error. Se la si vede dal lato del mercato (finanziario) non fare niente e' un madornale errore. La situazione secondo un grosso operatore e' infatti questa: "Le marché est tout simplement paralysé pour l'instant. Nous avons atteint un niveau d'illiquidité tel que les cours commencent à perdre leur signification, ce qui est en soit un élément de perturbation supplémentaire."

Politicamente chi sta peggio di tutti e' senz'altro Mc Cain.

 

Politicamente chi sta peggio di tutti è senz'altro Mc Cain.

Effettivamente, tanto bene non sta ultimamente.

Ma Letterman non era suo amico? Allora e' vero che
<em>so' forti 'sti Amerikani ....<em>

D'accordo. Però "orrendous" non è una parola della lingua italiana, né della lingua inglese.

Oops... Ci ho messo la h che mancava, grazie per la segnalazione.

e adesso che gli house republicans hanno bloccato il mostro?

Se non trovano un accordo entro il weekend non mi stupirei se chiudessero temporaneamente wall street per la settimana. In ogni caso ogni giorno di rinvio e' un giorno di opportunita' per il gotha dell'economia per alzare timidamente la manina da in fondo alla sala.

Ieri il senatore Shelby brandiva la lettera degli economisti davanti alle telecamere come fosse una bandiera con la cui asta colpire i giornalisti. Divertente

Ecco la pagina web del Senatore Shelby. Visto che la lettera alla fine serviva a qualcosa?

efficace questa descrizione dal sito electoral-vote.com:

Sen. Richard Shelby (R-AL), emerged from the meeting and
blasted the bailout
saying: "There's still a lot of different opinions. Mine is: It's flawed from the beginning."
Earlier this week at a hearing Shelby said:
"The Treasury's plan has little for those outside of the financial industry.
It is aimed at rescuing the same financial institutions that created this crisis with
their sloppy underwriting and reckless disregard for the risks they were creating."
Shelby was originally elected to the Senate in 1986 as a Democrat but switched to the GOP after the Republicans
took control in 1994. He is now the ranking Republican (i.e., minority leader) on the Senate Banking committee
and generally a proponent of tighter government regulation (in other words, while he can be labeled an
opportunist for jumping ship in 1994, deep in his heart he is a still populist Southern Democrat).

A pranzo si parlava della vicenda coi colleghi. Io dicevo che una delle cose che mi ha stupito e' stata l'assoluta mancanza di preparazione, nonostante le avvisaglie di crisi esistano da ormai almeno 18 mesi e le voci apocalittiche non siano certo mancate. Durante la guerra, quando c'era "bisogno" di fare la bomba, vennero chiamati i migliori fisici del mondo e venne creato il progetto manhattan: una governance responsabile valuta le possibilita', anche quelle remote, e agisce sulla base del rischio. Per questa crisi non mi risulta che il governo abbia mai favorito o chiesto il contributo accademico.

La risposta di un amico alla questione e' stata: because those phisicists were good. Now take a bunch of supposively good economists from different schools, put them in the same room and the only thing they will come out with will be one of the following:

1 If we are lucky, find a consensus that "something" is wrong or not to be done.

2 If we are really lucky, fouriusly fight on what mathematical model could be more accurate do describe what is going on; provided that any model would be useless at this point because there is no way to test them anyway.

E' poi partito in una feroce accusa alla scuola di chicago sul fatto che questa situazione sia almeno ideologicamente figlia della scuola che "the market needs no regulation", quando la crisi sta dimostrando l'esatto contrario. Io non sono cosi' pessimista sul fatto che un lungo brainstorming non avrebbe aiutato; sono abbastanza sicuro che sarebbe servito. Ma in linea generale non ho potuto dargli torto.

Il mondo cammina con le proprie gambe, non con la testa degli intellettuali.

Il gioco era troppo bello per smetterlo.

Anzitutto, la notizia: come previsto, McCain annuncia all'ultimo momento che va al dibattito. Io avevo scommesso che l'avrebbe fatto alle 3:00 p.m. EDT, mi sono sbagliato di due ore e purtroppo mi sa che non mi pagano e verrrà dichiarato un pari e patta ...

Per quanto riguarda il resto dei commenti e l'evolversi dei fatti, mi sembra il caso di fare alcune precisazioni, che faccio in un nuovo commento più sotto.

 

McCain annuncia all'ultimo momento che va al dibattito.

Non solo ci va, lo vince pure!

Se davvero l'argomento è il panico (contagio, nella versione più sofisticata) non mi meraviglia: i politici stanno giocando lo stesso gioco di Sept. 11 ( e di molto altro indietro nei secoli) e reagiscono nello stesso modo. BB è una questione diversa (o forse neanche tanto) ed e' la domanda interessante, perchè non si e' sganciato?

Qualcuno invece può darmi (o dirmi dove trovo) una risposta alla domanda perchè 700 billion dollars e non 70 0 1400. Da dove viene fuori questo numero? Di che percentuale del pil stiamo parlando? Grazie

Non so come abbiano fatto la stima. Girano pero' stime del supposto costo del bailout che vanno da 1.2 a 1.4 trillions (migliaia di miliardi). Il PIL degli Stati Uniti e' dell'ordine di 13-14 trillions (vado a memoria). Lo fai tu 1/13? :-)

Wow! Ma- scusami l'ingenuità- come è possibile che non si sappia da dove viene fuori la stima? Non dico una simulazione dei general equilibrium effect, ma manco uno straccio di budget a prezzi e quantità date? Ma come fa il Congresso a passare una cosa così? Ma allora il panico non lo stanno mica usando sui media! Sta già nei corridoi di Washington!

 

No, Marcello, ho detto che io non lo so, non che non lo sanno loro, ne' che non si sappia. Diciamo pero' che uno dei problemi maggiori della crisi e' che non si sa chi ha cosa. 

Durante il congressional hearing c'e' stato piu' o meno il seguente scambio fra un senatore e Bernanke: "chi ci garantisce che poi non tornate a chiederci piu' soldi?" E Bernacca: "Ah non so, potrebbe essere che non ci bastino, o potremmo anche finire per non spenderli tutti". 

Secondo l'ultimo rapporto Flow of Funds Analysis della Fed (pag. 94) i mutui ammontavano a 11254 milliardi di dollari.

Piu difficile sapere l'importo dei mutui subprime. Secondo un discorso
del Bernanca sarebbero il 14% cioe' 1575 miliardi. Secondo uno studio
della Morgan Stanley i mutui subrpime cartolarizzati (securitized) [una
sottospecie dei precedenti] sarebbero 605 miliardi.  Secondo il
giornale USA Today i mutui subprime sarebbero 1200 miliardi a fine
2006, e non ne furono creati molti nel 2007, per fortuna.

Insomma, sembra che la cifra 700 miliardi del piano Paulson rapresenti
una grossa fetta (ma non la totalita) dei mutui subprime.  L'ordine di
grandezza e' quello giusto [70 sono pochi e 7000 sono troppi  ;-) ].

Grazie, ho guardato il "discorso" di BB. E' di pochi mesi fa,  non c'e' traccia di panico, neanche un po' di paura, anzi grande fiducia, tutta una questione di credito e nessun riferimento ai derivatives.  Continuo a non capire da dove viene fuori 700 ? Ne'-ammesso che glieli diano- cosa ne vuole fare.  

 

Dove guardo per l'intero sto pezzo di teatro (please non mi rispondere nell'opera omnia di S. Beckett che già ci ho guardato) :-).

Il piano Paulson spiegato come si deve.

Il blog e` divertente direi.

In attesa del match, due righe sul perche' di questo piano. Devono farlo, non solo perche' sono in crisi alcune banche americane, ma perche' lo sono ancor di piu' quelle europee.

Per semplificare: AIG non e' solo la compagnia assicurativa che sappiamo, e' anche una importantissima fonte di aggiramenti dei leverages per le banche europee. La leva finanziaria attuale delle banche europee piu' importanti e' oggi pari a 35 circa, negli Usa si e' intorno a 20. Con la copertura assicurativa di AIG il limite di 10 delle banche europee e' stato alterato in un modo molto dangerous per il sistema.

Cosi' LB puo' fallire, ma non AIG. Sto parlando di cose grosse e spero di non creare troppo allarmismo. Ma cosa succedera' se D. Bank entra in crisi? Ha passivita' totali che ammontano a circa 2000 miliardi di euro (e' l’80% del pil tedesco) e una leva (senza coperture) superiore a 50. Potrei continuare con altri esempi, ma mi fermo qui perche' l'ergomento non e' troppo gradevole. Ecco perche' Bush vuol fare il piano. Perche' se crolla l'Europa sono c... L'11 sett. rischiamo insomma di diventarlo noi, la vecchia Europa, quella che vuol far sempre la lezione all'America (bazzico per necessita' i siti francesi e da questo punto di vista sono insopportabili, come del resto molti italiani).

La mia convinzione e' che senza l'Europa, del piano Bush di 700 miliardi di dollari non ci sarebbe stato bisogno. Devono farlo o abdicano al ruolo guida che hanno. Ma riemergono (o riemergeranno, quando tutto sara' piu' chiaro) tentazioni isolazioniste (il mondo e' fatto di pazzi? Vada dove vuole). Sono talmente convinto di questa tesi (che sono obbligati a farlo) che oggi quando ho visto alcune banche italiane perdere il 5% ho comprato (personalmente) qualcosa.

Per finire una domanda un po' retorica. Ma perche' chi dovrebbe controllare queste cose in Europa non lo fa?

Spero di aver contribuito almeno un po' a che tutto un po' piu' chiaro.

No, non lo è per nulla.

Scritti come il tuo servono solo a diffondere allarmismo. Sono pressapochisti, basati su informazioni imprecise ed illazioni su "crolla questo o crolla quello". I dati a cui ti riferisci sono noti e sono quelli diffusi da Micossi e coautore, ma da quei dati le inferenze che tu avanzi come ovvie non seguono per nulla. Ma proprio per nulla.

Questo è esattamente il cattivo materiale emozional-confuso che alimenta euforia o panico (a caso) dei nostri sempre amati bancari e li porta alle sconclusionate scelte i cui effetti si vedono in settimane come queste, scelte che paghiamo tutti noi. In periodi come questo escono tutti i tipi di teorie allarmisto-catastrofiche. Bisognerebbe sapersi controllare e, soprattutto, controllare le proprie fonti, la propria logica e la solidità delle proprie conclusioni. A predicare la fine del mondo siamo capaci tutti.

Con la copertura assicurativa di AIG il limite di 10 delle banche europee e' stato alterato

Piu che alterato direi aggirato.

Ecco, su quest'uso dei derivati, per aggirare (legalmente) i regolamenti non si e' parlato su NfA, ma secondo me e' importante.  (Scusate se ne avete gia parlato,  non sempre riesco a leggere tutti i commenti).

Tuttavia, questo spiega il salvataggio di AIG con il prestito di 85 miliardi, dopo che avevano deciso di non salvare Lehman.  Non e', credo, direttamente collegato col piano Paulson.Sono due cose del tutto diverse.

su quest'uso dei derivati, per aggirare (legalmente) i regolamenti non si e' parlato su NfA, ma secondo me e' importante.

Quanto ho scritto nei miei due pistolotti in inglese serviva a documentare come questo avveniva, e le conseguenze che poteva avere.  

Ecco, su quest'uso dei derivati, per aggirare (legalmente) i
regolamenti non si e' parlato su NfA, ma secondo me e' importante. 
(Scusate se ne avete gia parlato,  non sempre riesco a leggere tutti i
commenti). 

Qualche giorno fa avevo postato questo breve commento.  In effetti la cosa e' sorprendente a dir poco.

Che c'entra AIG coi 700 miliardi? 

A me non dispiace polemizzare.

Mentre per il momento l'economia reale gira ancora, per la realta' finanziaria il discorso e' diverso. Conosco la situazione, per questo non ho bisogno di Micossi o di altri. Sono cosi' poco catastrofista che oggi ho comprato titoli, non chiacchere. Ci ho messo soldi miei, veri.

Pero' in questi giorni si sta verificando un fatto abbastanza diffuso: su molti strumenti c'e' un quasi crollo dei volumi, degli scambi. Non c'e' liquidita'. Questo e' il problema. E questo e' un fatto, non un'opinione. Non basta che la Fed, la Bce, metta a disposizione liquidita' se i mercati non fanno girare la moneta. Questo e' il problema. Se non gira moneta i titoli vanno giu' e i bilanci...

Sento dire in giro che bisogna limitare le vendite allo scoperto. E' gente che si occupa di problemi che non conosce. E' il sistema sicuro per innescare un processo a vite al ribasso sui mercati. Cos'e' che ha impedito fino ad ora una giornata stile '87 (-22% in un giorno) sui mercati? Gli Short. Non credo ci sia bisogna di trattare in modo formalizzato la questione.

L'Europa virtuosa e l'America tutto soldi, ecc. ecc. che sembra trasparire da tanti discorsi? Favole per bambini ritardati.

Chi conosce i mercati finanziari sa che la piazza piu' speculativa e' Francoforte. Il Dax fa delle evoluzioni in pochi minuti incredibili (e, dato il peso che ha nel paniere europeo vi trascina anche l'indice Eurostoxx). Chi c'e' dietro? Io no.

E ora mi guardo il match.

Quindi?

Da questa lista di cose più o meno note, com'è che si dovrebbe inferire che Paulson sta chiedendo $ 700 miliardi per salvare l'Europa?

Qui non c'è nessuna polemica. Qui c'è una richiesta, ripetuta, di dire cose coerenti, di stabilire nessi causali almeno razionalmente giustificabili e di evitare di scrivere cose "grandiose" solo perché si son sentite dire o si pensa facciano impressione. Il Dax oscilla? Bene per alcuni e male per altri. Perché dovrebbe esserci "qualcuno" dietro? E chi ci sarebbe?

 

Il rischio che il flusso di credito si blocchi se non si fa quanto BPB suggeriscono.
Questa affermazione viene continuamente ripetuta senza lo straccio di
una prova e senza un minimo argomento logico che la sostenga. È stata
contraddetta dai fatti svariate volte, eppure imperterriti i
sostenitori di questo ipotetico rischio continuano ad avanzarla. Come
tutte le affermazioni infondate (magari vere, ma prive di ogni evidenza
a loro favore) come la si può contraddire? Ha la stessa valenza
dell'affermazione secondo cui se non diamo alla CAI il monopolio del
trasporto aereo italiano l'Italia rimarrà priva di quel servizio ed il
turismo italiano crollerà. È possibile? Forse, ma certo che non è né
credibile né probabile sulla base di quanto abbiamo sperimentato sino
ad ora e di quanto conosciamo. L'onere della prova è, dunque, su coloro
i quali, anche qui, fanno del terrorismo psicologico sostenendo che
altrimenti verrà la fine del mondo: provatelo.

Miseria della macroeconomia. Mi sembra ovvio che macroeconomisti
ed economisti monetari non abbiano nulla da dire sull'argomento: infatti non
stanno dicendo nulla. A questo silenzio fanno eccezione delle sporadiche affermazioni del tutto
"partisan", che sembrano copiate da quelle dei sapientoni della strada e dell'industria
(Ben and Henry ne sanno più di tutti, mercati ed accademici. Basta seguire il dibattito iniziato sul sito di Greg Mankiw per rendersene conto ... L'unico "contributo" della macroeconomia a questo dibattito è costituito
dalla cosidetta teoria del "saving glut" secondo cui tutto quanto accade è
determinato dal fatto che i cinesi risparmiano troppo e ci invadono con
i loro risparmi, facendo scendere i tassi d'interesse e prestandoci
soldi per acquistare case che non potremmo altrimenti permetterci.
"Teoria" che Ben Bernanke va spingendo da anni (vorrei farvi notare la natura "keynesiana antica" della teoria: risparmiare fa male, se i cinesi consumassero di più il problema si risolverebbe) usata anche dal signor GW Bush nel suo terroristico
discorsetto. Se così fosse, ossia se tutto dipendesse dall'eccesso di risparmio dei paesi emergenti, mi domando, anzitutto, perché
preoccuparsene: son soldi dei cinesi, perché tassarsi per
restituirglieli? La maniera più efficace di ridurre l'eccesso di risparmio consiste nel ridurre i tassi di rendimento; fare default sui soldi che i cinesi ci hanno prestato mi sembra un'ottima maniera per ridurre il loro rendimento, no? In secondo luogo, hanno i cinesi per caso smesso di
colpo di risparmiare nel 2005, ossia da quando i tassi sono
ricresciuti? Io non me n'ero accorto, ma i tassi son cresciuti e da quanto ne so i cinesi continuano a risparmiare come pazzi ... perché non c'è ora il saving glut? In terzo luogo, com'è che i cinesi sono venuti a fare i
generosi solo con noi, creandoci questo casino, e non con il Canada o
la Germania o l'Italia? Ecco, questa ridicola teoria è il meglio che i macroeconomisti che si occupano del problema, da Princeton ad MIT, son riusciti a produrre. Io non mi occupo del problema e non sono un leading macroeconomist, per quanto i miei lettori possano voler pensare il contrario, per la semplice ragione che da una decina d'anni non riesco più a comunicare con chi fa "macro attivamente" e non riesco più a capire di cosa parlino ...

Funzioni della banca centrale. Le responsabilità della banca
centrale non hanno mai incluso salvare i bancari incapaci. Dovrebbero
includere la supervisione sul rischio bancario - che la Fed ha
chiaramente e brutalmente mancato di fare: mi domando se un giorno
qualcuno comincerà ad indagare per capire se in questa cosa davvero il
dolo non c'è ... - e garantire il funzionamento del sistema dei pagamenti.
Quest'ultimo non mi sembra in pericolo, ed ho svariati, ed ovvi, dubbi
sul fatto che comprare ABS ed MBS con i soldi pubblici serva a questo
proposito. Mi sembra solo utile per permettere ai bancari fraudolenti e nei guai di scaricare sul taxpayer i titoli più orrendi ed invendibili che hanno in portafoglio. La versione ufficiale, come potrebbe essere altrimenti, è
che tutto quanto sta avvenendo è su richiesta di Bernanke. Sure.
Peccato che, magari, Bernanke avrebbe potuto richiedere due anni fa (e
forse l'ha richiesto, chi lo sa) poteri di supervisione ed intervento
diretto su istituzioni finanziarie che non fossero formalmente le
banche commerciali: o non lo ha fatto o non glieli hanno dati. Non
solo, potrebbe semplicemente chiedere che gli permettessero di
acquistare, cosa che in parte già fà, sul mercato aperto i titoli che
ha voglia di acquistare e che ritiene appropriato acquistare. Non vedo
in che senso quanto viene oggi proposto abbia a che fare con le
funzioni di una banca centrale, ammesso e non concesso che le funzioni
che normalmente si attribuiscono ad una banca centrale la Fed sia
oramai in grado di svolgerle, visto che ha fallito miseramente sulla
più importante di esse.

Interventi di politica monetaria efficaci. Qualcuno ha fatto
cenno alla riduzione a sorpresa dei tassi effettuata in Gennaio come di
"gran efficacia" ... mi piacerebbe capire la motivazione di tale
giudizio. Non ho visto alcun effetto sull'economia reale, mentre ho
visto l'inflazione crescere e la crisi bancaria aggravarsi. Quale efficacia? Dal gennaio del 2007 svariati economisti (non monetari ...) insistono che il problema è un problema di informazione asimmetrica, che occorre capire dove sono i contratti ed i titoli marci, far chiudere (anche forzosamente) i contratti di derivati che non sono liquidi e creano rischio di credito eliminando al contempo dal mercato quelle MBS che costituiscono pessimo credito e non dovrebbero essere usate come collaterali. Insomma, per ritornare al mio antico esempio del "pick up bar con epidemia di AIDS" occorre cominciare a forzare i clienti a farsi l'esame del sangue ... La Fed non ha iniziato NULLA di tutto questo, e son passati quasi due anni da quando sono iniziati i casini, e tre da quanto alla Fed han visto che il default rate sui mortgage cresceva. Efficaci? Io direi pericolosamente incompetenti! E tutti quei giovani con fiammanti PhDs nei dipartimenti di ricerca, che hanno fatto in questi due anni? Nessuno che abbia proposto al capo un'idea decente ed innovativa?

Gli economisti non sanno nulla. Gli economisti sanno poco, ma
quelli non legati ad un carro lo ammettono ed evitano di fare gli
apprendisti stregoni. Parlo da tempo di miseria della macroeconomia e non sono certo l'unico a strapparsi i capelli davanti agli esercizi da apprendisti stregoni degli economisti monetari, siano essi da Fed o da dipartimenti, che sempre hanno in tasca una ricetta salvifica. Non credo sia necessario ricorrere ad Axel e Ned Phelps per riconoscere questo fatto (fra l'altro, non so in che senso uno dei due o entrambi avesse mai detto qualcosa di rilevante sulla questione di cui stiamo dibattendo ... references?). Inoltre, al contrario di molti, non ho un particolare complesso d'inferiorità nei confronti
di biologi, fisici e chimici. Studiano problemi ben più semplici dei
nostri, con a disposizione una massa enorme di dati sperimentali che noi non
possiamo neanche sognarci, eccetera. Avendoci lavorato insieme
per anni, ho visto alcune delle migliori
menti della fisica teorica, della biologia e di altre scienze naturali
cimentarsi per davvero con i problemi economici, specialmente quelli legati alla previsione delle quantità aggregate e del sistema finanziario: i risultati hanno
regolarmente fatto ridere (o piangere chi ci aveva investito i soldini). Lasciamo quindi stare certe affermazioni un po' da bar, anche se fatte in un faculty club ...

I bancari sanno tutto. E fra essi, Henry Paulson in particolare.
Questa boiata abbastanza ridicola continua a girare, persino su questo
blog. Secondo i sostenitori di tale teoria, solo gli operatori finanziari ed i practitioners, insomma i
bancari, capiscono cosa stia succedendo e ne conoscono la cura; i
professori che vivono nelle torri d'avorio no, parlano a vanvara usando teorie e modelli astratti mentre il mondo cammina sulle proprie gambe.
Se non fossimo nel mezzo di un disastro finanziario di dimensioni
incredibili - creato tutto di propria mano da operatori finanziari e da
bancari che "prezzavano" (quando andava bene) pezzi di carta contenenti complicati accordi con modelli teorici che non capivano - perderei forse due minuti a dibattere il tema. Ma, viste le
circostanze, viene solo da dire: in giorni come questi, se c'è qualcuno
che dovrebbe stare zitto, muto ed in un angolo, sono i bancari d'ogni ordine e grado. I quali
invece, forti dei bonuses non guadagnati che hanno accumulato negli
anni scorsi, continuano a ricattare tax-payers e legislators: dateci le
vostre tasse, o vi tiriamo tutti a fondo con noi. Insisto: fare scena muta o, almeno, parlare con una notevole dose d'umiltà, viste le circostanze.

Fare niente? La mia inclinazione sarebbe proprio quella, almeno
in via di principio e per quando riguarda i salvataggi di banche e compagnie assicurative. In casi
particolari e quando la situazione lo richieda veramente (ossia quando vi sia il rischio che un fallimento specifico porti alla chiusura di un segmento del mercato) si interviene
(esempio, F&F). Data la situazione che si è venuta a creare ed il
panico che l'amministrazione e la Fed (chiaramente in preda al panico essa stessa)
stanno diffondendo nel paese, occorra fare qualcosa abbastanza presto. La prima cosa da fare sarebbe parlare meno, fare di più ed evitare che si diffonda il panico. 

Primo suggerimento (domani spero di trovare il tempo per postare il
mio terzo articolo, con proposte più articolate): usare il debito
pubblico per comprare le case in foreclosure per un prezzo uguale a
quello del mutuo in essere sulle medesime, per poi immetterle sul
mercato degli affitti. Se è lì che sta la radice di tutti i mali,
suggerirei di cominciare a curare i mali alle loro radici. Invece di comprare MBS, comprare le case su cui erano stati accesi i mortgages che ora sono in default. Al momento un centinaio di miliardi di dollari dovrebbe permettere di
comprare quasi tutto quanto valga la pena comprare, secondo i dati
FDIC, FED e MBA. I dati che AlexCT riporta sono, da quanto capisco, consistenti con questo mio calcolo. AlexCT offre delle cifre molto grandi, ma si scorda di notare che non tutti i mutui subprime sono in
default ... la percentuale in default non supera il 3% del totale dei mutui e, se
identifichiamo i sub-prime con gli ARMs (ragionevole in prima
approssimazione) si arriva all'8% di quel totale (ossia, del totale degli ARMs). Questo implica che l'ammontare di muti in default varia, a seconda di quali categorie si vogliano includere, tra i 120 ed i
300 miliardi di dollari. Quanto di questo è default "eccezionale",
ossia al di sopra di quanto il sistema economico e finanziario gestisce
normalmente? Una buona metà, direi, visto che il tasso medio storico di
default (diciamo pre-2004) è di circa l'1.5% sul totale. Ecco quindi che una cifra fra i 50 ed i 150 miliardi di dollari potrebbe essere sufficiente per comprare, stato per stato e county per county, le case finanziate da mutui in default.

Secondo suggerimento, occorre risolvere al più presto il problema del bar dove parecchia gente ha AIDS ma nessuno sa chi ce l'abbia e nessuno lo vuole mostrare. Occorre forzare l'esame del sangue rendendolo obbligatorio per tutti. Questo vale per tutte le posizioni aperte di tutte le istituzioni finanziarie, inclusi ovviamente tutti i derivati OTC. Quest'ultimi poi vanno chiusi, in modo ordinato ma a tappe forzate. Sembra che il mercato dei CDS già lo stia facendo di suo, il totale del nozionale outstanding sta calando vertiginosamente. Questo processo va accelerato ma va anche guidato dalla mano del regolatore o della Fed (altra istituzione a cui appellarsi al momento non c'è). Vanno chiuse prima le posizioni più equilibrate, ovviamente, non quelle meno equilibrate in quanto chiudere prima queste implicherebbe infliggere ad una delle due parti una perdita inattesa, ed all'altra un guadagno. Ma va smontato il castello di derivati illiquidi e non performing che sta tirando sotto tutto. Tanto per dare un'idea: Wachovia, che è in cerca di compratori, dichiara di avere in portafoglio $120 miliardi di troubled securities. È molto improbabile che questi siano tutti puri e semplici 'mortgages', mentre la maggior parte è probabilmente costituita da derivati sui medesimi, derivati che ora nessuno vuole, nessuno sa prezzare e non valgono nulla. Vanno liquidati, mal che vada forzando il merging di chi ne ha troppi con il segno negativo con la sua maggiore counterpart.

Terzo suggerimento, cominciare a mettere per terra dei bei paletti per, da un lato, rifare la regolazione del sistema finanziario USA in modo che diventi un mercato vagamente competitivo ed infinitamente più trasparente di quello che ora è e, dall'altro, farsi restituire (almeno in parte) dieci anni di soldini non guadagnati ma portati a casa. Diciamo che è stato un prestito ad interesse zero, va bene così? Ve li siete goduti per un decennio, ora restituite a noi risparmiatori il trilione di dollari che vi abbiamo prestato, cari bancari. 

Bisogna davvero fare qualcosa di immediato e drammatico? Cominciamo da quì, non dal piano Paulson.

sugli interventi BEN motivati e di grande efficacia 8 mesi dopo, ero ironico (ricordo all'epoca che era spuntato un paper di bernanke che sosteneva come tagliano a sorpresa i tassi, ci fosse evidenza che si riduceva il premio al rischio di mercato...in base a cosa? non è dato saperlo) e intendevo che se hanno trovato una giustificazione da "econometrici" al taglio dei 3/4 di punto a sorpresa, lo troveranno di sicuro anche per il bailout...
(ma non significa che sia giusta)

Ah ... sto invechiando, o dormo poco, o entrambi ... pardon!

La mia inclinazione sarebbe proprio quella, almeno
in via di principio e per quando riguarda i salvataggi di banche e
compagnie assicurative. In casi
particolari e quando la situazione lo richieda veramente (ossia quando
vi sia il rischio che un fallimento specifico porti alla chiusura di un
segmento del mercato) si interviene
(esempio, F&F).

Allora la discordia sta sul quanti siano i casi particolari e quali le situazioni che lo richiedono veramente perche' altrimenti quel di cui parli qui non e' in linea di principio diverso dal piano Paulson e cioe' allocare ora un pacco di soldi di modo che si possa, qualora lo si ritenga oppurtono, comprare cio' che si crede necessario in tempi rapidi senza passare da nessun congresso o commissione. Nessuno sa l'opinione di bernanke, mi sembra di capire, su quanti siano da salvare quindi difficile dire quanto voi due non siate d'accordo. In ogni caso, se decidi di "far niente per i 9/10 di chi chiude bottega, a quel punto devi, come politico che prende la decisione, a) essere sicuro che non avvenga il patatrac e b) essere disposto a trovarti nella condizione in cui banche e gruppi finanziari vengono acquistati uno dopo l'altra dagli investitori esteri: cinesi, arabi e russi in primis.

Il patatrac e' un fatto probabilistico. La probabilita' con cui potrebbe accadere e' abbastanza piccola da poterci permettere di puntare i piedini sull'ideologia del free market? Perche' poi di quello si parla, di una questione morale/ideologica e i 700 miliardi sono noccioline alla fine. Perche' se nonostante i 700 miliardi il sistema scoppia lo stesso allora a quel punto 700 miliardi sono comunque poca cosa in mezzo al mare di merda. Se invece i 700 miliardi bloccano la crisi allora si rivelano un investimento eccellente. In questo senso, chi si oppone al piano paulson dovrebbe farlo sulla base di due punti: o le probabilita' di crisi sono gia' vicine allo 0 oppure che i 700 miliardi aumentano le probabilita' di crisi invece di diminuirle. Tutto il resto (non e' fair, e' un po' ambiguo, non e' il piano definitivo) mi interessa fino ad un certo punto perche' cosa me ne frega se e' unfair se l'alternativa e finire comunque col culo all'aria? (infatti, se Bush non avesse la reputazione di quello che grida al lupo al lupo probabilmente la gente gli avrebbe creduto quando dice che l'alternativa e' la fine del mondo e avrebbero firmato tutti zittini zittini).

Infine, butto li' una cosa un po' fuori. Mi sembra, correggettemi se sbaglio, che ci sia una cosa che tutte le crisi di mercato abbiano in comune e che sia necessaria per tutte affinche' diventino vere crisi: il panico. Il panico e' cio' che veramente amplifica problemi di ordini di grandezza. Mi sembra che si possono introdurre tutte le nuove regole che si vogliono ma se non si agisce li' ci si deve abituare ad avere a che fare con un sistema imprevedibile, punto. Esiste qualcuno in economia che si occupa di cio'? Di studiare modifiche alle interazioni finanziarie in modo da ridurre la componente emozionale?

 

chi si oppone al piano paulson dovrebbe farlo sulla base di due punti: o le probabilita' di crisi sono gia' vicine allo 0 oppure che i 700 miliardi aumentano le probabilita' di crisi invece di diminuirle.

 

ma che dici Giorgio? chi critica il piano paulson deve dire se, a parità di probabilità di crisi, esiste una alternativa migliore, cosa che e' stata fatta da svariati commentatori su WSJ, NYT, e innumerevoli blogs, compreso questo.  Ma state tutti perdendo il senso logico o cosa? Sul blog di Mankiw leggevo ieri delle cose spaventose, dette da uno degli economisti piu famosi del mondo creano davvero sconcerto: Greg dice "Bernanke è uno che ne sa, ne capisce, e ha tante informazioni, quindi se Bernanke mi dice che questa cosa va fatta, io gli credo". Questa strategia potrà andare bene con i miei cuginetti che hanno 4 anni, ma con me non funziona. Non di meno, questa perdita del senso logico è un chiaro segno che il panico avanza, e che gli ultimi giorni, anzichè farlo diminuire (uno dei primi compiti di FED e Treasury in una crisi finanziaria), lo hanno fatto aumentare. Ad arte, aggiungerei, proprio per creare delle reazioni "à la Mankiw".

ma che dici Giorgio? chi critica il piano paulson deve dire se, a
parità di probabilità di crisi, esiste una alternativa migliore, cosa
che e' stata fatta da svariati commentatori su WSJ, NYT, e innumerevoli
blogs, compreso questo.

La caratteristica principale del piano Paulson non e' tanto la cifra o che, ma proprio il fatto che sia un piano, a loro dire, di emergenza cioe' che va attuato al piu' presto possibile perche' senno la crisi e' certa (cioe' P, probabilita' di crisi, =~ 1). Se tu credi a questo allora non puoi permetterti di prendere tempo per analizzare i dati e venire fuori con una alternativa migliore. Se invece non ci credi (cioe' se pensi che P sia molto bassa) allora si puo' aspettare. In ogni caso, capirai che cio' che ti importa COME PRIMA COSA e' sapere quanto sia P. Che e' quello che dico nel commento sopra (che poi immagino sia lo stesso che muove Michele a sostenere che la prima domanda e' sapere se bisogna davvero intervenire subito).

Per quanto riguarda Mankiw: il piano Paulson e' in realta' un piano FED, paulson ci mette solo il nome. Da quando in qua la FED rende pubbliche le proprie scelte e/o chiede il parere di qualcuno prima di metterle in atto? Non lo fanno quando stampano, quando prestano, quando cambiano i tassi e tutti si sono abituati a fidarsi e darlo per scontato. O no?

Le alternative ESISTONO GIÀ. Ma più in generale voglio tornare sul tuo commento, perchè a me pare che la prendi come una questione ideologica (free market vs interventionism) e/o morale (fair vs unfair) e secondo me sbagli di grosso.

Prima cosa: quello che tu chiami free market vs interventionism dipende dal fatto che tu, come molti, vedi questa crisi come il frutto di enormi market failures non corrette da regole appropriate.Che è vero, ma solo in parte: qua siamo di fronte come dice Michele a un Akerlof's lemon problem bello grosso, ma l'origine è tutta in una government failure pazzesca, probabilmente la più grossa govt failure mai vista. La FED che tiene i tassi bassissimi per anni, la SEC che chiude due occhi sul leverage eccessivo di molte società, Fannie e Freddie non ne parliamo perchè qui si assommano tutti i risultati di political economy che conosciamo, lobbisti che bloccano riforme legislative, conflitti di interesse tra Treasury e banche d'affari, e mi fermo qui. Gli stessi protagonisti della govt failure di cui sopra (FED, Treasury e SEC) propongono ora un plan che non risolve la market failure, e aggrava i govt failures (il taxpayer americano che paga un 17% di rendimento all'investimento di Buffett nella banca del segretario del Tesoro , ci rendiamo conto?) e tu ne fai una questione di ideologia? please...

La questione fair vs unfair: altro misunderstanding. Non è questione di essere fair, qui è questione di altri due crucial economic issues, moral hazard and time inconsistency. Il piano premia chi ha assunto troppi rischi e chi ha aggirato regole e pertanto incentiva comportamenti troppo rischiosi nel futuro (anche molto prossimo, scommettiamo?), derogando al noto fatto della vita che chi si assume troppi rischi a volte guadagna e a volte perde. Questo non ha niente a che fare con l'essere fair, è questione di efficienza economica. 

Antonio, primo, non sono certo io che ho tirato in ballo la questione fairness per primo.
La mia riflessione di sopra non era diretta a Michele ma voleva essere piu' generale. Inoltre, l'efficienza economica c'e' se paga chi ha rotto. Nel caso di una deflazione invece chi paga sono tutti gli altri quindi l'argomento non regge piu' (*).

Secondo, sai bene che c'e' un sacco di gente la' fuori che dice che *non* bisogna intervenire perche' l'intervento non e' compatibile con il free market. Se uno la pensa cosi', lo fa in nome dell'idea del free market - diciamo idea che ideologia forse non e' la parola giusta - e questo non e' un argomento nuovo ma sta nell'aria dai primi interventi.
Ovviamente gli USA non possono non fare i conti con questa contraddizione. Diciamo che come minimo la prossima volta che tuoneranno contro politiche poco liberali degli altri paesi (come spesso e' successo) come minimo si possono aspettare una bella pernacchia.
Che la failure sia una failure di attuazione non ci piove. Ma e' lo stesso argomento che sostengono i comunisti quando dicono che il comunismo in se' non e' male, e' solo come e' stato attuato finora che non va. Con questo voglio dire: occhio a fare distinzioni troppo nette tra cose che allo stato attuale dei fatti sono molto vicine.

 (*) In realta' non regge dal punto di vista del singolo perche' il cittadino modello Ned Flanders si trova a pagare il casino fatto da Homer Simpson. Regge pero' dal punto di vista macro: paga chi ha fatto cattive scelte, cioe' il paese USA che ha fatto la "scelta" di andare avanti per anni con il sistema drogato.

? ? ?

filippo rebessi 27/9/2008 - 23:37

...ma com'è che tra i firmatari mancano Prescott e Kydland?

Per quanto riguarda Prescott, la risposta è facile: in quanto "Senior Monetary Advisor" del Presidente della Fed di Mpls (Gary Stern, quello che, tanto per capirsi, ogni due per due scrive contro la politica del "too big to fail" nel settore bancario ...) Ed non può, per contratto, esprimere alcuna opinione pubblica su queste materie. Insomma, è un dipendente della Fed, non un consulente esterno (come molti di noi lo sono) quindi ha restrizioni più rigire. Su Finn non so, ma credo abbia una cosa simile a Dallas Fed o San Francisco Fed.

Siamo al livello di Brunetta, che a me diceva: io sono professore e sono pure al governo, quindi ne so di piu' di te che sei solo professore. Non ho dubbi che a Mankiw farebbe piacere essere associato a Brunetta. Dopo tutto Brunetta ha quasi vinto il Nobel, Mankiw non lo vincera' mai.

Dopo tutto Brunetta ha quasi vinto il Nobel, Mankiw non lo vincera' mai.

A proposito, chi vincerà il nobel quest'anno ? La scelta sarà influenzata dal casino in corso, come avviene spesso con i nobel per la pace ?

Se hai ragione tu magari lo vince Dick Thaler o Robert Shiller. Le disgrazie non vengono mai sole.

È vero, il 13 Ottobre, se non erro, annunceranno i vincitori del premio. Allora, io mi espongo.

Chi vorrei vincesse il premio: Lionel W. McKenzie e William (Buz) Brock, per i loro contributi alla teoria della crescita ottima e dell'equilibrio economico generale dinamico. David Cass , purtroppo, è morto pochi mesi fa, altrimenti sarebbe il terzo mio candidato ideale. Disclaimer: Lionel fu mio advisor, gli altri sue sono amici. In ogni caso, quelli che studiano quei problemi con quell'approccio sono (siamo) oramai tanti come i Mohicani due mesi prima che scrivessero il celebre libro, quindi il ragionamento è del tutto ipotetico.

Chi predico vincerà il premio: Sargent-Sims-Hansen, Wilson-Kreps-Milgrom (problema, che fare con Roberts?), Holmstrom-Tirole-Hart, in ordine decrescente di probabilità. Altro di probabile, al momento, non mi viene. C'e' sempre qualche grande vecchio di cui si son scordati, ovviamente: a parte Lionel, ci sono Radner, Alchian, Scarf, ... Non mi dispiacerebbe in nessun caso, devo dire.

Per una volta le mie previsioni e quelle del mercato hanno un'intersezione sostanzialemnte non vuota!

cmq molto probabile che vincano degli econometrici quest'anno, no?

Non vogliamo fare un post sui nobel per il weekend in cui raccogliamo le nostre previsioni?

Che hanno fatto di male Thaler e Shiller ?

Alle mie proposte ho accennato più sopra, ora (dopo essermi fatto jogging e doccia) metto pure la pizza in inglese. Sono diverse dal piano di Paulson? Si, e non solamente per l'ammontare di soldi ma per il disegno e le finalità.

Il piano di Paulson è pura redistribuzione di soldi federali ai bancari ed anche ai banchieri. L'ideologia del libero mercato qui non c'entra nulla: anche io accetto che occorra intervenire, viste le circostanze che si sono venute a creare. Occorre intervenire "mettendoci dei soldi" perché non si è intervenuti due o tre anni fa "regolando e ristabilendo la concorrenza", e questo è un primo punto da stabilire: se ci mettiamo dei soldi vogliamo delle contropartite. Paulson non chiede alcuna contropartita ai suoi ex colleghi e dipendenti: in nome, lui sì, dell'ideologia (ma non della pratica) del libero mercato non propone alcuna modificazione dei meccanismi di regolazione, accounting, ratings, eccetera. Paulson propone solo di dare a costoro soldi buoni in cambio di promesse cattive. Persino l'IMF sostiene che, alla luce dell'esperienza storica, questa sia la strada sbagliata. Insomma, l'evidenza "accademica" che i practitioners hanno torto è overwhelming, ed il piano Paulson, piano disegnato da bancari per bancari, non ne tiene conto. Vorrei ricordare che, sino ad ora, la Fed ha dato ascolto solo a practitioners e bancari i quali, da un anno e mezzo, dicono "dateci soldi, tagliate tassi, soldi, tassi più bassi, liquidità, .... ". Mi sbaglio? Li hanno ascoltati (per forza, sono captured!) ed il risultato si è visto: un anno e mezzo dopo la situazione è molto peggio!

Contropartite, dunque, che per me devono essere soprattutto di struttura del mercato, rottura delle posizioni di monopolio e dei meccanismi che permettono di occultare e falsare. Altri, come per esempio Zingales, dicono: prendiamoci almeno delle equities nelle
aziende da cui stiamo comprando cacca. Il che mi sembra ragionevole.
Poi se la baracca regge, queste equities, le venderemo a chi avrà i
soldi per investire, magari recuperando due lire. Ragionevole, credo, anche se insufficiente a mio avviso.

Un secondo luogo, insisto, l'operazione è redistributiva. Comunque dovremmo redistribuire verso uno dei gruppi che ha causato il guaio. Io argomento che redistribuendo verso chi è in default (comprando il mutuo, quindi la casa, e riaffittandola) si spende molto meno (5-600 miliardi in meno a te sembreranno noccioline, a me per niente) e si parte dalla radice dell'infezione. Se una volta aggiustati i mutui il sistema finanziario non riesce a smontare ordinatamente il castello di carte derivate che ci ha costruito sopra, glielo imporremmo legalmente.

Infine c'è un enorme nuovo rischio che progetti come il Paulson e simili generano e che spiega perché l'ammontare totale fa differenza. Aumentare di un solo colpo il debito federale di un buon 5% del GNP, da aggiungere a quello che il deficit di Bush causa in ogni caso, potrebbe fare non molto bene né ai tassi d'interesse sul debito, né all'inflazione. La qual cosa ha effetti molto perniciosi.

Ripeto, le differenze ci sono, eccome.

Stavo anch'io pensando che che l'idea dei repubblicani di assicurare i mutui alla base - per quanto anche questa comporti una forma di  bail out e quindi di moral hazrd/time inconsistency e' forse la migliore via out of this mess. Si tratta di predire il valore "reale" degli immobili il costo di transazione e pagare approipriatamente. E poi lasciare che i banchieri si facciano la redistribuzione tra loro. Non impossibile. Altro punto sarebbe costringere banche e istituzioni finanziarie ad aprire i books. Cosi' che la redistribuzione possa avvenire con piu' trasparenza. La Fed e SEC lo possono  fare, credo (ma non sono certo; qualcuno lo sa?). Se si fa questo si puo' anche mettere in piedi una finestra che alla Fed che acquisti MBS, ma deve essere soggetta a ogni sorta di oversight

probabilmente lo avete gia' visto. pero' a chi se lo e' perso propongo questo

http://online.wsj.com/article/SB122237192928276077.html

soluzioni altre dal piano paulson.

Ok Michele, la tua proposta mi sembra  molto  ragionevole e sensata. Pero'. Lo sai che prima di darti ragione 100% ci penso 7 (true, not 700 billion, too costly for my little brain) times: 

che significa 5-600 miliardi in meno di quanto chiede BB? Mi stai dicendo che il piano BB costa esattamente quello che lui dice al congresso? Ma non eravamo rimasti che  non lo sa neanche lui quanto costa e sta chiedendo solo un po' di missili in caso debba sparare? E che, giustamente, chiede quello che pensa di poter ottenere non quello che serve sulla base di calcoli condivisi almeno da tre persone con un qualche ruolo?

Su Zingales and equities.... non capisco. Certo se abbiamo 700 billion dollars e capiamo un po' di quello che  andiamo a fare meglio  equities che.... nulla. Ma non è detto tanto, dopo aver preso equities  al posto di Paulson si mette un ex di Bank of America (povero Giannini...) e siamo punto e a capo. Dalla neutralità della moneta, alla neutralità della teoria.

 

 

stanotte. Vedremo la settimana prossima che forme avrà, ma non sembrano buone.

Che ne dici di Fortis ?

Disclaimer: non seguo per niente queste cose, ma in Belgio se ne parla pure per strada.

Boldrin: "Scritti come il tuo servono solo a diffondere allarmismo."
Mi pare che alla luce di quanto sta succedendo si tratta di una frase quanto mai infelice.
Invece sarebbe piu' saggio pensare che chi e' dentro certe cose non e' utile, spesso per propria convenienza, etichettarlo come uno dei 'responsabili', mentre ne sa di piu' di chi li vede da fuori. Se io metto assieme un economista (o dieci) per ogni scuola: un keynesiano, un monetarista, un austriaco, un walrasiano,... senza esperienza specifica nel mondo bancario e finanziario perdo solo tempo. E il tutto non finirebbe in una rissa stile film western solo perche' si hanno migliori tecniche di razionalizzazione degli istinti omicidi.

Boldrin: "Da questa lista di cose più o meno note, com'è che si dovrebbe
inferire che Paulson sta chiedendo $ 700 miliardi per salvare l'Europa? Qui non
c'è nessuna polemica. Qui c'è una richiesta, ripetuta, di dire cose coerenti, di
stabilire nessi causali almeno razionalmente giustificabili e di evitare di
scrivere cose "grandiose" solo perché si son sentite dire o si pensa facciano
impressione. Il Dax oscilla? Bene per alcuni e male per altri. Perché dovrebbe
esserci "qualcuno" dietro? E chi ci sarebbe?
".

1) Ad un Nobel per l'economia alcuni anni fa chiesero cosa ne pensasse
dell'attuale stato della macroeconomia (o di qualcosa del genere). Rispose
"Potrebbe chiedermi un'opinione sulla fisica o la chimica. Sarebbe la stessa
cosa". La questione non e' quindi evidentemente solo di contrapposizione tra teorici e
pratici, come afferma Boldrin in altra parte. [Conosco un po' anch'io di
economia, non solo quella pratica, per averla insegnata a lungo a giovani
ultra-selezionati in corsi master (ovviamente laureati) e anche all'Un. Ebbene mi toccava
riformattargli il cervello, per quella parte che aveva a che fare con la mia
materia. Quindi il discorso teoria/pratica o professori/bancari non mi riguarda.
Inoltre, i miei studi sono da sempre rivolti verso le crisi di natura
finanziaria, sulle quali mi ci sono pure laureato, e di cui reputo di dover
imparare da tutti e da nessuno. Chiuso l'inciso.]

2) Nelle mie argomentazioni non c'e' nulla di particolarmente "grandioso",
mentre c'e' una conoscenza precisa di come ci si e' mossi in passato in queste
situazioni e una, ovviamente, un po' meno precisa su cosa succede in questo
momento. A proposito della miseria dell'economia a me pare che sul piano Paulson
non c'e' niente di nuovo su cui val la pena di riflettere, almeno da un punto di
vista teorico. Ecco perche' gli economisti stanno in genere zitti o, al massimo,
si va verso la classica contrapposizione: si (il mercato da solo non ce la fa),
no (lasciamo fare il mercato).

3) La manovra bisogna farla (e' anche difficile opporglisi con argomentazioni che non siano di principio)
perche':
a) la natura della crisi attuale non e' certamente di natura reale,
ne' di natura finanziaria, ma bancaria (non mi sembra un dettaglio da poco); il
problema attuale non e' infatti tanto di "fiducia" verso il mercato, in senso
lato. Molto piu' semplicemente in giro c'e' la preoccupazione che i propri soldi non
scompaiano dopo averli messi nel posto ritenuto in genere piu' sicuro del
materasso: una banca.
b) Quindi esiste un problema di "fiducia" verso la
tenuta delle banche, iniziato con la fila agli sportelli della Northern Rock.
Ora le banche:
b1. le lascio fallire
b2. mi adopero per fonderle
b3. le
salvo
Mi pare che tutti e tre questi metodi in questa crisi siano stati
usati.
Perche' far fallire LB e non X? Bella domanda mi viene da dire (me la faccio da
solo, tanto Boldrin non me lo dira' neppure sotto tortura). Gia', perche'?

c) la teoria economica prevalente ormai da decenni da per scontato che le
banche devono essere salvate.

4) Le istituzioni finanziarie sono interrelate come non mai, persino Bush lo
sa, tanto da affermare che le banche europee non saranno abbandonate. Perche'?
Perche' non e' possibile fonderle con altri istituti perche' troppo grandi, ne'
si possono far fallire, appunto perche' troppo grandi. Ma chi le salva?
L'Europa? Mah! L'Europa a quel punto rischiera'' di saltare,
altroche' (altrimenti perche' Putin, il KGB secondo la lucida "testa matta" Mc Cain*, fa tanto il galletto?).
Ecco un
passo di Micossi e Gros che esprime anche un mio convincimento, diffuso peraltro
nel mondo finanzario (Micossi e' un brillante ex-Bankitalia) "Le banche
europee beneficeranno della grande nazionalizzazione del sistema finanziario
statunitense ora in corso. I grandi gruppi bancari europei hanno tutti
importanti attività negli Usa e possono pertanto usufruire dei 700 miliardi che
il governo impiegherà per comprare le attività basate sui mutui che risultano
per il momento illiquidi.
"
Ecco perche' mettersi a fare i conti di quanto
costera' davvero il piano Usa puo' essere un esercizio utile ma in questo momento e' come leggere nei fondi di un
bicchiere.

5) Chi c'e' dietro ai movimenti del Dax (che hanno rovinato, con il future
spinto dalle banche per le commissioni, tanti novelli trader?). Il Dax fino alle
h. 15.30 si muove all'improvviso e senza alcuna notizia, macro o altro (come
invece avviene per gli indici Usa), con delle sparate micidiali. Poi
all'apertura di N.Y. si calma e si allinea. Chi c'e' dietro? Non credo sia
difficile capirlo, anche per un economista teorico (che non dovrebbe essere
digiuno pero 'di sistemi bancocentrici o altro). Ha significato per un
economista generico questo fatto? No perche' ad es. in un sistemino IS/LM, arricchito a
piacere, non si va oltre il modellino, che e' perfetto in se'. Nella realta'
invece significa che in Europa si fa un'enorme speculazione selvaggia, a
differenza dell'America. Con i risultati che (ma io spero di no) potremmo vedere
in forme tutt'altro che (per usare un eufemismo) simpatiche. Alle banche in crisi
pero' intanto si aggiunge un nome al giorno. Le ultime in Europa: Fortis (con un
leverage effettivo di 33 circa, un'inezia a confronto di quello di Ubs o di
Barclays Bank), Bradford & Bingley. Ma ce ne sono altre: ovviamento
americane e poi inglesi, svizzere, francesi... L'Italia? Non mi pronuncio. Serve allora una regolamentazione diversa? Si, ma non molto di piu' che per far rispettare davvero alle banche cio' che di fatto non rispettano, aggirando (con quali connivenze?) i limiti di leverage imposti.

Infine: per non fare appunto troppo rumore, in un post precedente non avevo
citato articoli (come quello di Micossi) che trattano l'argomento delle
passivita' delle banche europee (questione ben nota tuttavia a chi e' del
mestiere ma ignota a tutti gli altri). Ora la crisi sta esplodendo quindi mi pare inutile minimizzare. Ecco due articoli che ognuno puo'
valutare come meglio crede ma che vanno conosciuti:

1) Daniel Gros and Stefano Micossi

European banking on borrowed time

2) Mario Seminerio

SE
FALLISCE IL SALVATAGGIO RISCHIA ANCHE L'EUROPA

(Mi scuso per la lunghezza del post, che sarebbe stato molto piu' lungo se
fossi entrato piu' in dettaglio: ma questo e' compito di chi propone
gli argomenti)

* Ma perche' in Italia non hanno mandato su nessuna TV analogica il dibattito, introvabile (Rai Tre che manda tutte le notti Rai New24 per l'occasione l'ha sospeso mandando un volgarissimo filmetto nostrano)? E' perche' nessun giornale vi entra nel merito, raccontando di sbadigli, ecc., cosa falsa. Perche' e' impossibile leggere le frasi precise sul M.O. o su Putin? Se qualcuno sa dove sono (dibattito, frasi) farebbe cosa utile nel segnalarle.

La banca franco-belga Dexia è stata oggetto di un piano di salvataggio finanziario pubblico di 6,4 miliardi di euro cui hanno partecipato il Belgio, la Francia e il Lussemburgo. La cifra non è astronomica e quindi forse non è troppo indicativa, ma interventi coordinati inter-regionali (diciamo così), senza che ci siano di mezzo parlamenti e voti di singoli stati si stanno rivelando piu' efficienti di ciò che sta succedendo in America, dove l'effetto annuncio del piano Paulson aveva creato delle "aspettative", il cui esito negativo (per voti sfavorevoli congiunti di parte dei repubblicani e democratici) ha portato alla mini crisi borsistica di ieri (io stesso che avevo comprato banche in Italia tra giovedi e venerdi ho venduto ieri in apertura quando mi sono reso conto che il passaggio del piano era incerto: ma io credo di avere un pò di vantaggio di conoscenze sulla massa che -quando si e' resa conto di cio' che sarebbe accaduto e dopo- ha venduto senza badare al prezzo, tirando giu' i mercati).


Non bisognerebbe rimanere troppo attaccati alle proprie tesi, se smentite dalla realtà. Nel posto precedente avevo affermato che l'Europa mi sembrava politicamente meno attrezzata dell'America per far fronte alla crisi. Però se da uno spiraglio si può intravedere una soluzione, l'intervento dei tre stati europei può anche far pensare che l'Europa, se la situazione non peggiora troppo dal lato dell'economia reale, potrebbe anche farcela da sola a tamponare la crisi bancaria, almeno per ciò che la riguarda.

E' un dato su cui riflettere perché i mercati nel frattempo hanno "scontato" la non approvazione del piano Paulson e non è detto che ciò non dia ulteriore spazio a coloro che sono ad esso contrari. Ora sara' comunque interessante vedere anche le trimestrali Usa.

Intanto l' italiano (per via di certi toni cari alla nostra italietta) P. Krugman scrive che "Barack Obama seems well informed and sensible about matters economic and financial. John McCain, on the other hand, scares me". Io ho seguito attentamente il dibattito e a me fa ha fatto paura Obama non solo per il ripetuto "hai ragione John", ma per l'arrendevolezza/avventurismo, spia di dilettantismo, in politica estera. Quindi non mi fido troppo neppure delle idee di Krugman in campo economico. Ieri, dopo il voto contrario sul piano, ha scritto nel suo Blog sul NYT "OK, we are a banana republic", per concludere con un lapidario "So what we now have is non-functional government in the face of a major crisis, because Congress includes a quorum of crazies and nobody trusts the White House an inch. As a friend said last night, we’ve become a banana republic with nukes" (Krugman è un liberal, come si definisce egli stesso, e quindi gli si può anche perdonare una certa supponenza e qualche frase estroversa, fa parte del cliché), per poi aggiungere "I guess write a bill that is actually, you know, a good plan, and try
to pass it — though politically it might not make sense to try until
after the election".

Dal canto loro gli americani (e i deputati) sanno, per dirne una, di certe cosucce avvenute tra Londra e N.Y. nel corso del fallimento di LB e qualche dubbio sull'intero faccenda è umano che l'abbiano. E il voto contrario al piano ne e' forse una spia.

Bah. 6.4 miliardi sono noccioline, coi tempi che corrono: trarre conclusioni da episodi del genere mi pare affrettato (purtroppo). Il FT di oggi ha un bel grafico con indicate le principali banche europee e, per ognuna, il rapporto (Total assets banca)/(PIL nazione in cui la banca ha la sede principale). I numeri sono spaventosi. Un altro grafico che mi piacerebbe guardare riguarda leverage ratios... quando ho letto che Deutsche al picco della bolla era attorno a 50 (CINQUANTA!) sono saltato sulla sedia.

Insomma: Succedesse qualcosa di serio, la parola passerebbe per forza a "parlamenti e voti di singoli stati". Con l'aggravante che meccanismi di questo tipo, da noi, sono ancora meno oliati che negli USA, anche solo sulla carta. Far qualcosa e in fretta, deve essere la parola d'ordine.

Cambiando argomento, una preghiera: tutti i tuoi commenti sono pieni di "sacchi vuoti", espressioni di per se' prive di senso come "certe cosucce avvenute tra Londra e NY", "c'e' una relazione intermarket", etc. Ti dispiacerebbe spiegarti? Per il lettore comune sono arabo... Grazie

Luciano, al di la' del contenuto, posso permettermi di dare un consiglio personale? Questo e' un blog di economisti frequentato da economisti: se si inizia a dire cosa si e' comprato e cosa si e' venduto - anche solo en passant come fai in questo post e in quelli dell'altro giorno - si rischia di creare l'impressione nel lettore sprovveduto di sapere come andranno le cose in borsa. Onde evitare che il signor lettore sprovveduto si illuda di aver trovato la gallina dalle uova d'oro di cui seguire i saggi consigli, consiglio di limitare i dettagli sulle proprie esperienze borsistiche a zero.

Poi certo la colpa rimane sempre e solo del lettore sprovveduto ma tanto, visto che non aggiunge nulla alla discussione, meglio togliersi il problema.

Un momento. Proprio perche' e' un sito di economisti so per esperienza (la materia la conosco bene), che la finanza concreta e' quasi arabo. Volevo solo aiutare a comprendere come funzionano i mercati, nel concreto.

Io sono piu' informato perche' leggo, ecc. ho gli strumenti, gli altri lo sono o piu' di me  o come me o un po' di meno, oppure molto di meno. Che succede in concreto? Quello che e' successo ieri. Il mercato e' scivolato in basso abbastanza lentamente, in funzione del livello distribuito di conoscenze, senza finire nel panic selling. Francamente devo dire che non ero sicuro che finisse con una perdita solo del 10%. Insomma il mercato per ora sta funzionando e bene. E reagisce. Diverso ad es. e' dire che e' tutta una manovra, che e' stato tirato giu', ecc. Sono cose importanti, anche per un corso di economia, e nel mio c'erano. Il difetto della macroeconomia e' che dopo K. ragiona per aggregati. Nessuno o pochi immaginano si possa fare diversamente e cosi' la complessità del reale va a farsi benedire. Ok, si poteva dire la stessa cosa senza fare un riferimento personale (che nel caso specifico puo' ingenerare confusione). Comunque, a me insegnarono alle superiori che  Cicerone se ne ando' a fare un Master in Grecia per perfezionare l'emissione della voce per il mestiere di avvocato. In altre parole per non apparire noiosi a volte si inserisce qualche riferimento che tiene su l'attenzione. E' una tecnica. Da usare certo con prudenza.

Per il resto non e' che dico cose misteriose. Una buona ricerca con Google svela i giochini tra Londra e N.Y. di cui si parla nel precedente post. L'analisi intermarket non e' neanche questa un mistero. Sono spunti. Poi se uno e' motivato puo anche provare ad approfondirli, altrimenti no.

Piano col postmodernismo in salsa ciceroniana! La retorica temo funzioni per vendere qualcosa, ma non funziona in economia o finanza.

Primo, La "finanza concreta" non e' quasi arabo, ha a che fare con razionali (dove razionale e' definibile a piacere, ma razionale: le persone rispondono a incentivi nel contesto di istituzioni sociali) decisioni economiche. Siamo d'accordo con questo, almeno?

Poi possiamo anche spiegare cosa succede e perche'. Se 1000 investitori - che siano Joe Sixpack o hedge fund o il mio direttore o il municipio di Chattanooga - decidono che Morgan Stanley o qualunque altra banca e' un potenziale morto che cammina, non stanno giocando al casino' o avendo attacchi di panico. Stanno prendendo una decisione economica. La stessa che le banche prendono quando preferiscono usare le discount windows invece che prestarsi soldi. Chiedersi perche' la prendono e' utile, tutto sommato. Perche' e' alla stessa radice delle fluttuazioni economiche, o per citare una affermazione a caso, "come funzionano i mercati, nel concreto".

Analisi intermarket? Mah, e' giusto un fancy name per cio' che sono essenzialmente correlazioni statistiche.

No so come si fa ad incorniciare una frase altrui.

Ja: Piano col postmodernismo in salsa ciceroniana! La retorica temo
funzioni per vendere qualcosa, ma non funziona in economia o finanza.

A me basta non si metta intanto in dubbio la buona fede.
Lo sottolineo ancora una volta, dire economia  oggi, con tutte le branche e le specializzazioni, può andar bene solo in televisione.
Di venditori in campo economico non ne mancano di certo. E c'e' anche molto spazio per vendere fumo, che piace ad un certo giornalismo ed è ben remunerato. Comunque c'è differenza tra voler suscitare interesse e vendere fumo.
Per uscire dall'attualità, uno che che ci ha giocato molto con i polveroni, nel settore che conosco meglio (cicli e crisi acute), è Galbraith. Potrei scrivere io le risposte ad una sua ipotetica intervista, tanto sono più o meno, a parte i dettagli, sempre le stesse. Per sua ammissione stava attentissimo a non farsi scavalcare all'estrema sinistra dello schieramento degli economisti, perché evidentemente tira. Tutto per lui era avidità e speculazione selvaggia. Fumo.

Ja: Primo, La "finanza concreta" non e' quasi arabo, ha a che fare con
razionali (dove razionale e' definibile a piacere, ma razionale: le
persone rispondono a incentivi nel contesto di istituzioni sociali)
decisioni economiche. Siamo d'accordo con questo, almeno?

Forse si, forse no. Ci devo pensare. Non e' il mio campo. Ora provo a scriverci su un articolo (ecco perché è utile per me fare ogni tanto un salto a vedere questo slto, non solo come lettore. Per chi non l'avesse capito è un piccolo riconoscimento). 

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti