European Liberty Conference

20 settembre 2010 Luca Mazzone

In cui si spiegano le ragioni per investire due giorni del proprio in tempo in una conferenza internazionale a Milano organizzata da degli studenti l'11 e 12 ottobre prossimi.

Sono un lettore di nFA dai primi anni dei miei studi, erano i tempi di "cavaliere bianco cercasi" o de "il modello superfisso".

Ora il blog è sempre qui, è cresciuto non poco, e mi sembra ancora giusto tributare a una "palestra" come questa i dovuti ringraziamenti per aver costretto me, ed altri ragazzi che come me in questi anni sono stati all'università a studiare e apprendere, a dare risposte concrete alle domande che ci si è posti su queste pagine.

Una, su tutte. Come cambiare - non solo nelle facce - la nostra classe dirigente?

Sembra un po' il punto attorno al quale girano la maggior parte delle discussioni, qui. Dalla mia limitata prospettiva mi sono fermato ad osservare come le scelte che si fanno, diciamo, intorno agli anni dell'università, determinino in maniera decisiva tutto il resto.

La carriera politica non fa eccezione. Liquiderò la questione con due esempi: la Festa dei Giovani DemocraticiAtreju. Si notino le scalette, i temi, e sopratutto i relatori: niente di diverso rispetto a una festa di partito "adulta": discorsi autocelebrativi e fuffa, peraltro corrispondenza perfetta tra tematiche da una parte e relatori dall'altra, e necessità politiche contingenti del partito di riferimento.

Sostituire i nostri attuali governanti coi giovani virgulti che dalle loro labbra pendono (un Fausto Raciti o una Augusta Montaruli, per esempio) può portare ben pochi vantaggi. Se gli attuali leader di partito sono le seconde file, i portaborse di quelli della Prima Repubblica, come si può sperare che i subalterni-su-tutto giovani di oggi possano essere meglio di loro?

La mia risposta è che se ne esce in un modo solo. Se i meccanismi di selezione della classe dirigente "giovane" non funzionano dobbiamo produrne di nuovi e metterli in concorrenza con quelli vecchi. Il progetto è di un'ambiziosità folle, specie in un Paese in cui la paura di rischiare fa il paio con il disprezzo sociale verso coloro che rischiano: vogliamo una Students for Liberty anche in Italia. Indipendente perché finanziata da tanti donatori, di massa (e non importa se alla fine non saranno tutti liberali duri e puri), influente. Una realtà nella quale i fondatori si tolgono dalle scatole presto, perché si laureano in tempo o quasi, e obbligano i successori a fare lo stesso – per statuto. Una "scatola" che aggrega e dà forza alle proposte e produce egemonia culturale negli Atenei che ormai vivacchiano, nel più grande vuoto di idee che la storia recente d'Italia ricordi, e si svegliano solo nelle occupazioni e negli scioperi. Una struttura che non faccia la fine dell'UGI, perché abbiamo studiato un pochino la storia d'Italia.

Per fare questo partiamo da Milano, alla Bocconi, con la European Liberty Conference, l'11 e il 12 ottobre. Il programma lo trovate qui (nel panel in cui sarà ospite Michele Boldrin, oltre a lui, avremo Ignacio Conde-Ruiz, Antonio Martino, Maria Cannata, Pierre Garello, Francesco Giavazzi e Alessandro De Nicola). La sola organizzazione di questo evento ci ha permesso di aggregare ragazzi da tutta Italia, che costituiranno dei gruppi autonomi nelle loro sedi in tempi brevi.  Senza le donazioni guadagnate grazie ai risultati ottenuti, e che questo network speriamo sia in grado di attrarre, la possibilità di sfidare le idee prevalenti con argomenti ragionati e non con slogan urlati rimane una pura utopia. Anche nelle università più prestigiose. Per questo spero nella vostra partecipazione e nel vostro supporto!

33 commenti (espandi tutti)

Il link al programma della conferenza non funziona :-)

Ops! Adesso ho sistemato anche il link nell'articolo, comunque, e dovrebbe andare!

Io ci sarò, forse anche qualche altro studente da Brescia. Vorremmo cercare di creare uno di quei gruppi autonomi nel nostro ateneo.

Condivido appieno il discorso di Mazzone, e chissà, forse quelle feste giovanili dei partiti cambieranno con il nostro impegno.

Grazie, Marco. 

C'è una bella atmosfera, oggettivamente: stiamo conoscendo tantissimi ragazzi da tutta Italia con intenzioni simili, il tardo pomeriggio del 12 sarà davvero una festa.

Per il resto, dubito che se questo progetto e altri simili avranno successo quel tipo di feste di partito avranno ancora senso. Ora come ora non si riesce a cogliere il ridicolo per mancanza di un termine di paragone.

Io vorrei venire! ma in quel periodo purtroppo devo studiare (per laurearmi in tempo, appunto)...

Sono su Bari. Come faccio a mettermi in contatto con altri conterranei interessati

(ipotetici per ora, dato che qua basta pronunciare il prefisso liber- per essere guardati male),

magari per fondare un gruppo qui nel profondo sud?

Difficile dare una risposta: quando noi siamo partiti eravamo in due. Abbiamo inizialmente coinvolto un nucleo di persone interessate, molte delle quali se la sono data a gambe quando si è visto che avevamo voglia di fare davvero qualcosa, e non menarcela a vicenda su quanto bene conoscevamo Hayek (tutti molto male, peraltro).

L'unica cosa importante, già che stiamo parlando di "profondo Sud", è la cazzimma.

Anche noi siamo in due. Solo che non abbiamo proprio idea di come muoverci. Anche noi abbiamo pensato di coinvolgere un gruppo di persone interessate, ma (cercando fra i conoscenti) non ne abbiamo trovate.

Suppongo plausibile l'ipotesi che siano un insieme talmente ristretto che la sua intersezione con le conoscenze personali di due individui dà quasi sempre l'insieme vuoto.

Perciò a questo punto sembrava sensata la strada di affiliarsi ad una organizzazione più grande (anche per la scarsità di tempo a disposizione).

P.S. La cazzimma è un concetto prezioso e versatile che ho appreso oggi, ma non appartiene alla mia cultura, affine ma diversa dalla napoletana. In queste contrade, la cosa importante è avere priscio.

Organizzate qualche evento in Università, magari coinvolgendo personalità liberali della zona - se possibile evitando di farvi identificare con una parte politica. Gli amici di Students for Liberty hanno prodotto vari handbook nei quali danno suggerimenti su cose come "fondare un gruppo", "organizzare una campagna", e sono disponibili sul loro sito. Dagli un'occhiata.

P.S. per un evento di "lancio" dell'associazione qualche ideuzza credo di averla. Scrivimi sulla mail privata.

Bell'iniziativa. Una sola domanda (fatta senza cattiveria): chi ha deciso di invitare, in mezzo a tanti nomi così prestigiosi, un personaggio come il prof. Battaglia?

Qual è il problema con Franco Battaglia?

P.S. prevengo un richiamo dei "padroni di casa": ho la sensazione che nel rispondere alla mia domanda, se intendi fare un attacco personale, possa essere considerato poco educato non identificarsi con nome e cognome.

Io l' ho visto quest' anno alle giornate nFA e mi è sembrato un uomo che fa scienza usando il metodo politico piuttosto che quello scientifico. Difatti le prefazioni ai suoi libri sono scritte da Berlusconi Silvio e Brunetta Renato, cui immagino che un simile divulgatore debba andare a genio.

Non credo che quello sia il suo modo di "fare scienza": ha scelto uno stile divulgativo che può piacere o non piacere, ma che non mette in discussione le sue competenze nel campo. 

Competenze che, almeno per quanto mi riguarda, non sono in grado di valutare.

Come ho già detto baso il mio giudizio su quel che ho visto a Firenze, dove ci fu un confronto fra lui e Vincenzo Balzani. Lo spettacolo fu desolante, di quelli da cui ci si alza con la consapevolezza di aver imparato poco o nulla e aver buttato via il proprio tempo: dati ed analisi parziali da tutt' e due le parti per portare acqua al proprio mulino. Io non posso né voglio valutare le sue competenze scientifiche, ma un simile comportamento mi ha convinto che Battaglia, almeno in fase divulgativa, antepone le sue convinzioni ad una corretta e completa analisi delle questioni, e questo mi è sufficiente per bollarlo come scarsamente affidabile.

Devo dedurne che consideri scarsamente affidabile anche Balzani, esattamente per lo stesso motivo, giusto?

Senza dubbio. Ricordo ancora spuntare risolutivo un carro armato amerikano fra i grafici. La mattinata fu salvata dalla relazione di Scafetta per fortuna.

Luca: NM è una sigla che corrisponde al nome e cognome cui chiunque può risalire seguendo il link che accompagna l'account. Se avessi verificato ti saresti risparmiato di farmi l'accusa antipatica di volere infangare la gente sotto il velo dell'anonimato. Il problema del prof. Battaglia è dato dalle sue posizioni folkloristiche sull'energia solare, il nucleare e il global warming, che nella conferenza di Milano non saranno bilanciate da nessun esperto autorevole di questi temi.

Mi scuso per l'accusa, per pigrizia non ho controllato il link. 

Se ho ben capito l'accusa che ci rivolgi è quella di dar voce solo a una parte, mentre floris sostiene che le posizioni di Battaglia sono tendenziose. Mi permetto di rispondere alle due critiche separatamente.

Floris: Franco Battaglia è uno scienziato che prende una posizione chiara. Lo capisci immediatamente. Non è uno che ti presenta i dati in modo fintamente asettico per poi far calare la conclusione come dall'alto. Nei dibattiti di natura divulgativa, nei quali i suoi interlocutori non sono preparati sul tema, ha il pregio di essere chiaro e di esporre i suoi argomenti in modo tale da non dare l'impressione che gli si debba credere per forza. Poi il suo stesso argomentare non era privo di imperfezioni, come qualcuno ha notato. Quello che a me interessa, però, è che il nostro non è un incontro tra tecnici del settore, ma un'occasione per gente che magari solitamente si occupa d'altro di sentire un punto di vista interessante - e se mi permetti, neanche tanto maggioritario.

NM: mi sento un po' a disagio a darti dell'arrogante quando definisci folkoristiche le affermazioni altrui, dopo che ho fatto la figuraccia sull'account. Però tant'è: è una posizione di minoranza, ma porta comunque dati e modelli esattamente come quella maggioritaria. Abbiamo deciso di dar voce forse più a un lato della questione che a un altro, ma questo è accaduto anche nel resto dei panels e nessuno si è scandalizzato. Semplicemente, abbiamo preso delle posizioni. Non c'è niente di male, no?

Folkloristico è chi folkloristico fa:

http://www.meteoclima.net/it15/index.php?option=com_content&view=category&id=35&Itemid=58

Comunque, se siete contenti di ascoltare i "Consigli di Franco Battaglia", mi ritiro in buon ordine.

 

Guarda, a un certo punto non so nemmeno cosa dirti. Non ti piace quello che dice Battaglia, non lo stimi come scienziato, e mi sta anche bene. Però hai squalificato il resto degli ospiti bollandoli come non in grado di contraddire Battaglia qualora dicesse cose false/tendenziose (sono forse incompetenti, loro, o in malafede?), e alla fine sei riuscito a dire che ti tieni lontano dalla cosa perché c'è il cattivo nuclearista. Va bene. Rimaniamo un Paese nel quale, invece di dare un contributo agli sforzi altrui remando nella stessa direzione, e portando magari delle critiche costruttive, si sparano sentenze dalla propria poltrona e poi si borbotta al bar con gli amici.

Ahi, ahi .... rieccoci: le opinioni che non piacciono sono folkloristiche anche quando vengono espresse con il supporto di dati - che sarebbero ciò che va discusso e confrontato, eventualmente - mentre gli esperti autorevoli son solo quelli che stanno dalla parte "giusta" .....

Vizio duro a morire, vedo.

Vero.

Tu sei lo stesso che qualche settimana fa era venuto a spiegarmi che non ho capito come funzionano le transizioni nel mercato del lavoro e cosette del genere. E che poi è andato a raccontare sul suo blog che ragiono male, spiegando il tutto con una geniale analogia: temporaneo:indeterminato = vegetariano:carnivoro. E che poi, però, non è andato a raccontare sul suo blog che era lui a ragionare male, che non aveva neanche capito quello che avevo scritto e che, guarda caso, le stime indipendenti OCSE su dati micro confermavano i miei calcoli esplicitamente fatti a spanne e quindi approssimati ...

Tutto questo, tu capisci, ti scredita. La gente seria, gli scienziati seri almeno, quando prendono cantonate le ammettono: non vanno in giro a "parlar male" degli altri solo perché non hanno capito i loro ragionamenti, senza nemmeno poi rettificare. Molto male.

Da certi pulpiti non dovrebbero venir certe prediche ...

Confermo tutto. Hai fatto un ragionamento senza senso, te l'ho spiegato qui con argomenti chiari che tu hai ignorato, e l'ho rispiegato in modo ovvio e intuitivo nel blog. Rispondi lì, se ti va.

Ti meriti di discutere con il ministro Castelli, al quale assomigli sempre di più nel modo di trattare la gente.

Vedi, quello è il problema. Tu pensi di avermi spiegato che il ragionamento è senza senso, e la sostanza della tua osservazione l'ho riassunta sopra. Credi sia ragionevole pensare alla relazione fra lavoratori a tempo determinato (TD) e quelli a tempo indeterminato (TI) nello stesso modo in cui si pensa a quello fra vegetariani e carnivori. Anzi, sei tutto contento della tua idea e pensi pure che sia una battuta arguta.

E questo prova che non hai capito niente.

In altre circostanze il commento sarebbe finito lì, perché niente mi obbliga a fare le ripetizioni a chi è tanto arrogante da non capire che le necessita e va in giro a dare del mona agli altri. Ma oggi sono qui che gioco con i miei cani e questo mi mette di umore particolarmente generoso verso quelli come te. Ed allora ti spiego (te l'ho già spiegato nei commenti al post in questione, ma ero di fretta e non hai capito o fatto finta di non capire (vedi sotto, PPPS)).

Tu argomenti che il mio ragionamento è sciocco perché, dici, Boldrin non si rende conto che si può anche rimanere TD per sempre, esattamente come un vegetariano tale rimane per sempre (che anche questo non è vero, una piccola percentuale cambia esattamente come anche fra gli esseri umani carnivori alcuni diventano vegetariani, ma non importa). Ed infatti scrivi, sul tuo blog

Per capire meglio dove sta il non sequitur, sostituite "vegetariani" a "precari". È come se Boldrin avesse detto: "Vedete, i vegetariani sono solo il 12% della popolazione; quindi, mediamente, in quattro anni diventeranno carnivori".

Ed i tuoi lettori, tutti contenti dal sentirsi confermare i loro pregiudizi, ti danno ragione, poretti, senza rendersi conto di compiere una variante dell'errore che tu attribuisci a me (si chiama non sequitur). Tipo questo

Forse se n'è accorto:"(questo è falso") (brutale, ma non così orrenda)"
Com'è che i dati aggregati suggeriscono che le aziende di mia conoscenza utilizzano un'80% di precariato a tempo indeterminato?

Non tutti, a dire il vero. Qualcuno ha cercato di farti notare che, date le premesse "ha ragione Boldrin", come dice l'anonimo. Ma tu no, tu guai a provare a mettere giù due formule e fare due calcoletti. Tu che fai? Per dirgli che è scemo anche lui, oltre a me, gli rispondi furbetto

Anomimo: considera uno scenario in cui i precari sono tutti licenziati al termine dei quattro anni (diventando disoccupati, casalinghe, lavoratori in nero nel sommerso), per essere sostituiti da nuovi precari. Lo scenario è compatibile con le ipotesi di Boldrin (compresa quella implicita che il tasso di precariato resti fermo al 12%) ma non è vero che i precari sono assunti a tempo indeterminato. Non sequitur.

Dove, studiato come sei, mi suggerisci anche il nome del mio errore e non te ne accorgi di farne un altro (e sono due, il primo è sostenere che il mio ragionamento è erroneo). Ossia aggiungi un'ipotesi spuria, che io non ho fatto e che è in contraddizione non solo con l'evidenza empirica ma pure con una ipotesi che io ho chiaramente fatto, ossia che vi sia transizione positiva da TD a TI! Perché, se non v'è transizione, per minima che sia, da TD a TI, come potrei sostenere che si rimane TD "in media" qualche anno e poi si diventa TI? E ne fai un terzo di errore logico, tratti il 12% come ipotesi implicita e non, come invece è, come implicazione aritmetica delle ipotesi che io faccio (vedi sotto, PS).  Il tuo lettore, che sarà anonimo ma è, come dire, più attento di te, ti risponde

good point! Ma nel tuo mondo si arriverebbe ad una situazione dove non ci sono più occupati stabili e gli unici a lavorare (come precari) sono i giovani dai 25 ai 29 anni

Ed ha ragione, perché QUESTA è la conclusione logica del tuo ragionamento! Insomma, NM ragiona male ... spesso, aggiungo io, dopo una breve scorsa alla sequenza di amenità illogiche che raccogli sul tuo blog, ma quella è una storia per cui non ho tempo.

Ma tu, forse folgorato dal "good point!", che hai preso sul serio, o forse consapevole di non sapere cosa dire, al tuo lettore non rispondi ed il thread finisce lì.

Ed invece, caro NM, non finisce lì. Destino vuole che tu venga a sentenziare di nuovo, rivelando una certa tua incongruità morale io direi, proprio dove non dovresti e su temi che, visti i precedenti, dovresti evitare. Errare è umano, perseverare intenzionalmente non sarà diabolico (che nel caso tuo sarebbe farti troppo onore), ma certo rivela una buona dose di cattiva fede ideologica.

P.S. Dirai tu: un vero pirla questo Boldrin, tutta questa pappardella per spiegarmi che ho sbagliato io ed a prendermi in giro solo perché sono di sssssinistra e lottttto dddduro contro i servi dei padroni come lui, ma non c'è mica riuscito a spiegarmi perché il suo ragionamento è logico! Hai ragione, ma quello lo sbrighiamo in tre righe. Sai cos'è un processo markoviano a due stati, uno dei quali è "absorbing"? Bene, in un caso del genere la matrice di transizione fra i due stati (TD e l'absorbing per ipotesi, TI) è definita da un solo numero, che è la probabilità di transizione per unità di tempo da TD a TI. La durata dello stato TD è data dall'inverso, appropriamente normalizzato, di quella probabilità. Ora, se io so la composizione del vettore di stato (la distribuzione invariante di TD e TI, per essere pomposi) e di quello d'entrata (che assumevo per ipotesi essere 100% TD, tanto per semplificare) il calcolo di quel numero che definisce la matrice di transizione è una banale operazione di moltiplicazione (ti ricordo che le divisioni sono moltiplicazioni). Fine.

P.P.S. Ovviamente il mio era un calcolo dichiaratamente fatto a spanne ed i cui risultati numerici cambiano se si cambiano le ipotesi ed i parametri. Ma il calcolo era perfettamente corretto, date le ipotesi. Ed i parametri, oltre alle ipotesi, non erano poi così fuori di testa visto che gli studi microeconometrici più dettagliati (come quello OCSE che ho linkato in un commento all'articolo) arrivano alla mia stessa conclusione quantitativa. Ma anche questo, alle tue folle di lettori, non l'hai raccontato, caro NM, dimostrando una volta ancora la tua malafede intellettuale. Ragione per cui, considera questo commento un'eccezione, ispirata dal buon umore provocatomi dal giocare con i miei cani che la malafede non sanno dove stia di casa. Ma non si ripeterà: con le persone provatamente arroganti (è arrogante chi, non sapendo, va in giro a dire agli altri che son loro a non sapere) ed in malafede (è in malafede chi critica gli altri per errori che egli stesso commette ma non riconosce) non amo discutere.

P.P.P.S. Nonostante un paio di noi redattori sostenga che molti di quelli come te non sono intenzionalmente arroganti ed in malafede, ma che siete solo persone ignoranti e/o dense e che quindi occorre perdonarvi, io ho deciso che il tempo per perdonare mi manca. Da un lato costa troppo tempo separare gli intenzionali dai non e, dall'altro, non capisco perché essere dense ed ignorante, quando si è deciso di parlare in pubblico dicendo castronerie, debba essere un'attenuante verso il non esserlo, quando si fa lo stesso. Caso chiuso e sigillato, quindi. Divertiti. Quelli che sanno già tutto per un po' si divertono. Per un po' ...

Di vizi ne ho tanti, e fra questi ho quello di considerare autorevole in campo scientifico solo chi ha superato un processo di peer-review. Trovami una rivista internazionale peer-reviewed che abbia mai accettato un articolo su nucleare, energia solare o global warming del prof. Franco Battaglia e poi prenderò sul serio i suoi "dati".

Non è il suo campo, mi pare. Comunque le tesi da lui sostenute sono certamente contenute in altri paper, contenuti in riviste internazionali peer-reviewed con tutti i crismi del caso. Volendo, potresti ammettere che le sue idee hanno dignità di essere dibattute senza porre un veto all'ingresso. O forse no, perché tu hai già la Verità in tasca, e la Comunità Scientifica dalla tua parte al gran completo.

per molti beppe grillo è un'autorità energetica. a me sembra che anche il prof. Battaglia possa dire la sua senza screditare gli organizzatori :-).

coraggio, buon lavoro!

Come annunciato sopra, sono andato all'ELC. Ho partecipato a poco perchè ho saltato lunedì dalle 16 in poi perchè ero con Mr Boldrin (a parte la cena) e martedì perchè malato. Comunque quel poco che ho visto mi ha lasciato delle buone impressioni.

Si è data voce ad opinioni che, pur essendo liberali, erano discordanti tra loro: mi viene in mente ad esempio la discussione (in realtà mancata per il fuggi-fuggi di Martino) tra quest'ultimo e Boldrin&Cannata. Lo stesso però la sera ha recuperato punti facendo un ottimo discorso all'inaugurazione del T-Party Milano.

L'unica perplessità che posso esprimere è il fatto di aver invitato associazioni un po' troppo social conservative e di "destra" anche se comunque si è mantenuto abbastanza il pluralismo.

Keep up good work!

Sono stato anche io alla ELC ed ho avuto un'impressione molto distinta da quella di Marco.

Non solo di Antonio Martino, le cui performances mi hanno confermato (in peggio) quanto pensavo di lui da tempo - e che va al di là delle flebili proteste dei giovanotti di Libertiamo che si sentono traditi.

Impressioni, telegrafiche.

1) Senza alcun dubbio il gruppo di organizzatori sembra composto, nella stragande maggioranza, da persone di gran buona volontà e con il desiderio di provocare dibattiti seri su questioni che nel mondo universitario italiano girano poco se non pochissimo. Chapeau.

2) Allo stesso tempo (comprensibile, viste le età, ma è un grave limite lo stesso) noto una certa atmosfera gruppettara anni '70: vi sono alcune parole d'ordine che devono essere ripetute e che segnalano l'appartenenza. Ma logica e fatti scarseggiano mentre l'attenzione ai problemi concreti del mondo è assente. Tutti a discutere di massimi sistemi, di diritto naturale, libertà e mercati liberi, ed altri temi "alti" che riempiono il cuore ma lasciano il mondo esattamente come era prima. Incluso il mondo delle conoscenze intellettuali. In particolare, girovagando qui e là il secondo giorno, ho notato che un forte ideologismo permea il tutto. Il simbolo vince sulla sostanza, si vedono comunisti ovunque ... come un collega m'ha fatto scherzosamente osservare: chiunque proponga una qualsiasi imposta o tassa viene preso per marxista da questi giovani, il che ovviamente è sia "funny" (a Marx le tasse non hanno mai interessato) che empty (il problema non è "zero tasse", il problema è quante è quali).

3) I punti di riferimento "ideali" sono francamente deludenti. Non credo sia per caso che sia Jim Lark che io abbiamo avuto la medesima reazione a fronte degli assurdi sproloqui di Martino, de Jasay e Garello: con gente del genere non si va da nessuna parte. Idem per Francesco Forte il secondo giorno ... e mi fermo qui! A mio avviso qualcuno di questi ci marcia. Queste persone ripetono la stessa manfrina ideologica da decenni, senza mai dire nulla né di utile né di originale, né di rilevante per i problemi correnti. Infatti, quando parlano di problemi concreti si sbagliano e si vede chiaramente che non sanno di cosa parlano ... Però la gioventù si entusiasma a sentir suonar la grancassa dei paroloni ... nel frattempo, i nostri stanno attaccati tranquillamente al carro di uno come BS (come nei casi di Forte e Martino) usando come giustificazione ... boh, non ho ben capito quale giustificazione via sia, opportunismo e "tengo famiglia" a parte ...

4) L'impressione che dietro a questo "Tea Party Italia" vi fosse la lunga mano del biscione l'ho sempre avuta e mai nascosta, come alcuni dei giovani che vi partecipano sanno. Esattamente come sono dell'opinione che l'originale USA sia manovrato da settori dell'ala socially conservative del GOP ed alcuni gruppi reazionari ad essa collaterali. Tutta gente che con il liberismo, il liberalismo ed i mercati concorrenziali c'entrano come i cavoli a merenda. L'ho avuta anche a Milano, ed ho gradito pochissimo la presenza di Tea Party Italia alla conferenza e come sponsor della medesima. Ovviamente ognuno è liberissimo di pensarla come vuole, ma personalmente preferisco non contribuire all'ennesimo trucchetto ai danni del popolo italiano.

5) Più in generale, credo faccia molto, ma molto, danno alla battaglia culturale (in difesa e per la diffusione d'un punto di vista "liberale" o "libertario" in Italia oggi) lasciarsi associare a BS ed alla sua gentaglia. Questo, purtroppo, è un rischio che la European Liberty Conference ha seriamente corso.

Io dal mio umile punto di vista, ho avuto l'impressione di un argomento (e seguenti argomentazioni) che si divide tra chi ha compreso come funziona il meccanismo del mercato e lo reputa un buon meccanismo per organizzare la società ed è quindi interessato a capirne il funzionamento in modo di poterlo "sfruttare"  in maniera ottimale, e chi invece, spero in buona fede, crede sia la soluzione di tutto e affronta e analizza i problemi in maniera banale e ideologica(forse religiosa rende meglio il concetto) tanto quanto le persone che critica aspramente.

Trovo un po' pericoloso affrontare argomenti seri come l'economia e le strutture sociali con tutti i due metodi contemporaneamente.

My 2 cents senza pretese e offese verso nessuno.

grazie delle impressioni, ma hai dei grafici o delle statistiche a supporto? :-)sto scherzando, naturalmente: le impressioni hanno molti limiti e anche la loro utilità, grande in questo caso. occorre sapere che aria tira, che facce ci sono a un convegno che  sulla carta ha molte buone intenzioni.

.. come un collega m'ha fatto scherzosamente osservare: chiunque proponga una qualsiasi imposta o tassa viene preso per marxista da questi giovani, il che ovviamente è sia "funny" (a Marx le tasse non hanno mai interessato) che empty (il problema non è "zero tasse", il problema è quante è quali).

bingo! questa è una questione centralissima, almeno per noi ai piani bassi delle polemiche politico economiche. in altra discussione è stata indicata prima come virtuosa la Svezia, per aver ridotto la spesa pubblica senza sconquassi apparenti e poi, da altro commentatore, la si è condannnata sbrigativamente, per via della tassazione cmq alta. a me sembra un'idea radicata ma molto semplificatoria pensare a una pressione fiscale "giusta", oltre la quale si incorre nell'ira di dio e degli uomini. per me ci stanno tante soluzioni empiriche, equilibri multipli, certo con attenzione al problema della spesa pubblica crescente naturaliter eccecc.

la mia ammirazione, anche da sprovveduto se vogliamo, va ai paesi che si pongono continuamente il problema e azzardano soluzioni in tutti e due i sensi. la svezia, ma anche gli stati uniti, almeno per le imposte sulle imprese, si sono date in passato aliquote  terrificanti, ma non erano meno liberali di quanto lo fossero adesso. il loro liberalismo ha permesso di ridurle, mica solo di parlarne sotto elezioni!

 

 

 

 

Il video della prima giornata è disponibile sul sito di Radio Radicale.

http://www.radioradicale.it/scheda/312762/european-liberty-conference-prima-giornata

eliminato commento inteso ad un altro articolo

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti